Bambini e animali, 8 cose da fare quando arriva un cucciolo

“Mi prendi un cagnolino?” Quante volte tuo figlio ti ha fatto questa richiesta? Hai deciso di esaudire il suo desiderio? Ecco qualche suggerimento per affrontare la scelta del cucciolo, il suo arrivo in famiglia e costruire una relazione serena, soprattutto quando in casa ci sono dei bambini.

Ecco alcuni consigli per favorire la nascita di una relazione serena ed equilibrata tra il proprio bambino e il cucciolo. L’arrivo in famiglia di un animale, sia esso un cane o un gatto, è un evento importante che va affrontato con consapevolezza e amore.

 

1. Consapevolezza
I genitori e tutti i membri della famiglia devono condividere il desiderio di adottare un animale e non subirlo come l’ennesimo capriccio del figlio. Il cane o il gatto sono esseri viventi che regalano affetto e compagnia ma richiedono anche attenzioni e accudimento. Spesso, infatti, succede che il cucciolo (soprattutto se regalato) dopo l’iniziale entusiasmo, al comparire delle prime difficoltà e alla presa di coscienza dell’impegno richiesto, venga rifiutato e abbandonato. Questo comportamento, oltre a causare un disagio enorme per il cucciolo con possibili future conseguenze sul suo equilibrio emotivo, è diseducativo per il bambino, che imparerà il rifiuto del diverso, delle difficoltà e la facilità di “liberarsi” di ciò che è faticoso e impegnativo.

2. Quale cucciolo
Proprio come gli esseri umani, anche gli animali hanno caratteristiche e caratteri peculiari. La scelta del cucciolo non può basarsi unicamente sul gusto estetico. Per questo è bene farsi aiutare da un Veterinario nell’identificazione della razza, sesso ed età del cane o del gatto che risponde meglio alla situazione ambientale e familiare.

3. Sorvegliare
Sorvegliare costantemente l’interazione tra il cucciolo/gattino e il proprio bambino, evitando che rimangano soli in assenza di un adulto.

4. Sii d’esempio
Il comportamento degli adulti è preso a modello dal bambino che, imitandolo, interagirà con il cane o il gatto.

5. Coinvolgimento
Coinvolgi il tuo bambino nella cura del cucciolo/ gattino,  nei momenti del pasto, della toelettatura o della passeggiata. Mostra al bambino come accarezzare, spazzolare e comunicare con l’animale così da evitare comportamenti sbagliati che potrebbero infastidire il cane o il gatto (colpirlo accidentalmente, tirare il pelo o fargli scherzi).

6. Rispetto degli spazi
Insegna il rispetto degli spazi. Chiama il cucciolo e il gattino e coccolalo al suo arrivo. Evita invece di farlo quando si trova nel luogo di riposo preferito o disturbarlo mentre sta mangiando. In questo modo, anche il bambino imparerà a rispettare gli spazi dell’animale.

7. Conoscenza reciproca
Coinvolgi il cucciolo/gattino nelle attività quotidiane del bambino, ad esempio quando fa i compiti o gioca.

8. Contieni l’eccitazione
Insegna e poi proponi al tuo bambino giochi che favoriscono la calma (per esempio cercare un oggetto nascosto o costruire una casetta di cartone) rispetto all’eccitazione legata al tira e molla o giocare con le mani.

 

di Marina Picca e  Sabrina Giussani, veterinario

questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *