Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Ha 3 anni. Come e cosa deve mangiare?

20 marzo 2017

920 Views

In età pre-scolare e scolare occorre valutare la necessità e l’importanza di conoscere la “danza dell’alimentazione”: l’equilibrio corretto, cioè, tra i cibi che danno energia, per esempio durante l’attività fisica, quelli che servono per un corretto riposo e, in generale, quelli che fanno bene alla salute e alla prevenzione del benessere.

 

 

Nella pratica quotidiana, infatti, pochi e semplici consigli possono essere di grande aiuto:

  • Fare 5 pasti, evitando gli spuntini
  • Pranzo e cena così costituiti: primo piatto, secondo piatto, verdura e frutta; piatto unico, verdura e frutta
  • Pasta e riso possono essere assunti 2 volte al giorno
  • Pesce (orata, spigola, salmone, trota), 4 volte la settimana. Escludere i pesci di fondo, come il tonno (sono ricchi di metalli pesanti), mitili e crostacei
  • Legumi, come ceci e lenticchie, 4 volte la settimana
  • Formaggio, 2 volte la settimana
  • Uovo, 1 volta la settimana
  • Verdura e frutta ad ogni pasto
  • Carne, 1-2 volte la settimana (carni bianche, come pollo, tacchino coniglio e agnello)

Gli alimenti possono, poi, essere conditi con olio extravergine d’oliva, meglio se 100% italiano e non da olii comunitari.
È sconsigliata, invece, la frittura: gli alimenti possono essere cotti a vapore, bolliti o al forno.

Una buona soluzione è anche rappresentata dal piatto unico. Ma cosa si intende? Polenta, pizza, insalata di riso, pasta al forno, verdure ripiene, pasta con lenticchie o ceci.  

 

La colazione: un amico sottovalutato

È ormai un’abitudine sempre più frequente fra i bambini non fare la colazione: si stima, infatti, che circa il 40% dei bambini italiani arrivi completamente digiuno agli asili e alle elementari alle prime ore del mattino.
Il digiuno protratto determina importanti oscillazioni della glicemia nel sangue, con conseguenze negative per l’organismo e una più diffusa difficoltà di concentrazione.
La colazione rappresenta uno dei tre pasti principali della giornata ed è importante che i genitori, che a loro volta spesso saltano questo momento della giornata, ritrovino il tempo per riunire a tavola la famiglia: è una sana abitudine e un beneficio per tutti.

Vediamo come può essere una colazione “tipo”:

  • una tazza di latte o un vasetto di yogurt
  • frutta fresca in pezzi
  • pane o fette biscottate con marmellata

 

Le buone abitudini da insegnare e custodire

Semplici accorgimenti e sane abitudini quotidiane sono un validissimo sistema di prevenzione:

  • proponi al tuo bambino un’attività fisica, anche come occasione di svago e divertimento con un minimo di 1 ora al giorno, ancor meglio se all’aperto
  • limita la permanenza davanti alla televisione o a qualunque schermo a non più di un’ora e mezza
  • recupera il piacere dei pasti a tavola, almeno due nell’arco della giornata, come momento di incontro della famiglia
  • evita gli spuntini, come alimenti preconfezionati e precotti, le bibite gassate e zuccherate anche durante i pasti principali
  • non utilizzare gli alimenti e i cibi come premio o come strumento di ricatto (“se non mangi la verdura, non giocherai con il computer”, “se fai i compiti, stasera caramelle e cioccolata!”): si ottiene solitamente l’effetto opposto, acquisendo una visione distorta del cibo e una progressiva incapacità nel scegliere gli alimenti sani rispetto a quelli che lo sono meno
  • non forzare mai il tuo bambino a mangiare se non ha appetito; prediligi porzioni moderate, adatte al suo peso e alla sua età
  • condividi i gusti alimentari dei tuoi figli, sempre nell’ottica di una alimentazione corretta
  • offrigli frutta e verdura più volte al giorno
  • limita i dolci elaborati ed i condimenti.

Un bambino sano vive meglio. L’obesità giovanile, così tanto diffusa, è senza ombra di dubbio uno dei fattori di rischio, anche nelle età più tenere, per gravi patologie, quali il ritardo nelle capacità motorie, l’asma, la rinite e la respirazione rumorosa.

 

di Redazione Family Health

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: