Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Obesità infantile in diminuzione ma senza abbassare la guardia

15 maggio 2017

678 Views

Un bambino obeso perde autostima e si chiude in se stesso. Secondo il Ministero della Salute, l’obesità infantile è diminuita del 13%, cambiare stile di vita è fondamentale.

Indagine nazionale

Da un’indagine, su oltre 48.400 genitori e 48.900 bambini coinvolti in oltre 2600 classi di tutto il territorio nazionale, condotta nel 2016 da OKkio alla Salute e presentata il 4 maggio 2017 al Ministero della Salute, emerge che: “Il 21,3% dei bambini partecipanti è in sovrappeso mentre il 9,3% risulta obeso. Riguardo la variabilità regionale si confermano prevalenze più elevate al Sud e al Centro anche se il gap tra le Regioni è leggermente diminuito nel corso degli anni”

Cosa significa essere bambini obesi?

Il Ministero della Sanità definisce obeso un bambino “il cui peso supera del 20% quello ideale e in sovrappeso se lo supera del 10-20%” L’obesità porta il bambino a chiudersi in se stesso, perde l’autostima inducendosi all’isolamento e limitando la socialità con i coetanei, anche il rendimento scolastico potrebbe risentire della sua condizione.

Un trend in diminuzione

Il Ministero della Salute ha registrato: “Un trend di lenta ma costante diminuzione per quanto riguarda la diffusione del sovrappeso e dell’obesità tra i bambini: complessivamente, in meno di dieci anni l’eccesso ponderale (sovrappeso più obesità) dei bambini è diminuito del 13% (passando da 35,2% nel 2008/2009 a 30,6% nel 2016)”. Diventa necessario modificare lo stile di vita del bambino attraverso una rieducazione alimentare, fisica e psicologica.

Cause dell’obesità infantile

  • Alimentazione, intesa come iperalimentazione, troppi zuccheri, grassi e sale
  • Sedentarietà, poca attività fisica e vita sedentaria
  • Familiarità, se il bambino ha una famiglia in sovrappeso ha più possibilità di esserlo
  • Disagio psicologico, gestione delle emozioni

Complicazioni fisiche

  • Diabete di tipo 2
  • Sindrome metabolica
  • Colesterolo e pressione alta
  • Asma
  • Disturbo del sonno
  • Pubertà precoce e mestruazioni

Riunione dei ministri a La Valletta, Malta

Il 19 e 20 marzo scorsi, la Riunione informale dei ministri della salute dell’Unione europea, ha parlato anche di lotta all’obesità infantile. Durante l’incontro i Ministri della Salute hanno sottolineato che: “L’obesità è un problema di portata epidemica sempre più diffuso in Europa diventa necessaria una maggiore collaborazione tra Stati che includa il coinvolgimento di tutti i settori della società”.

Importante anche il ruolo dell’ambiente urbano, della nutrizione precoce di madre e bambino e delle disuguaglianze economico-culturali. “La Commissione europea è pronta a sostenere i Paesi Ue  a fornire una piattaforma per lo scambio di esperienze e buone pratiche mentre gli Stati si sono espressi in modo favorevole sul Piano d’azione europeo 2014-2020 contro l’obesità infantile”.

Hanno concluso affermando che: “In Italia è importante ridurre l’impatto del marketing sugli alimenti destinati ai bambini”.

 

 

di Redazione Family Health

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: