Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

La Pediatria ai tempi dei social network

19 luglio 2017

2438 Views

di Giovanni Corsello, Professore Ordinario di Pediatria

Innovazione tecnologica e globalizzazione hanno diffuso in modo rapido e per certi versi inatteso il mondo dei Social Network in tutte le aree e gli strati della popolazione. Le relazioni umane ne hanno risentito in maniera profonda. Sono cambiate molte abitudini e spesso anche i punti di riferimento all’interno delle famiglie, della scuola, dei luoghi di ricreazione e delle Istituzioni.

 

 

Non sono solo i ragazzi e i giovani ad avere assorbito questo nuovo modo di interagire e di relazionarsi, basato sul virtuale ed orientato più ai contatti mediati da strumenti tecnologici che dal contatto umano fatto di organi di senso e di corporeità.

Anche il mondo delle professioni e della Istituzioni Pubbliche ha modificato molti degli approcci di comunicazione. Applicazioni e immagini vengono diffuse sui Social per promuovere acquisti di prodotti, posizioni ideologiche, opinioni e polemiche. Sono da attribuire a questa gestione dei social incontrollata e individualizzata i rischi di abuso e di sopraffazione psicologica nei confronti di bambini e adolescenti nell’ambito del cyberbullismo.

È attraverso il mondo dei Social Network che posizioni come quella degli antivaccinisti hanno travalicato gli ambiti ristretti di singoli nuclei familiari o associativi per, diffondere paure immotivate e timori di malattia in assenza e anzi contro le evidenze e i dati scientifici. Lo storytelling aneddotico e incontrollato ha minato la fiducia consolidata nei confronti dei vaccini che aveva consentito il controllo di malattie gravi e rischiose per la vita e per la salute di milioni di bambini.

La diffusione di diete selettive come quelle vegane anche in età infantile è un altro dei frutti “avvelenati” che nel WEB è stato offerto alla società. Messaggi spesso edulcorati all’insegna del “vegetale” e del “biologico”, in assenza di mediazione pediatrica e di controlli clinici accurati, possono trasformarsi in strumenti atti a indurre malnutrizione e danni irreversibili.

Ecco perché oggi anche le Società Scientifiche e le Associazioni Professionali devono occupare uno spazio crescente all’interno del web e dei social network per quantità e per qualità teso alla informazione e alla corretta divulgazione di temi scientifici che influiscono in modo decisivo sulla salute della popolazione, a partire da quella dei soggetti più fragili come i bambini.

Nativi digitali” sono oggi definite le generazioni che hanno imparato a usare gli strumenti informatici e il WEB sin dalla prima infanzia. Un “imprinting” che è una vera rivoluzione culturale di proporzione storica, che contribuirà a cambiare il destino delle società di domani. Bisognerà garantire in questo percorso anche equità e sicurezza per le nuove generazioni, inevitabilmente più esposte ai rischi insiti nei nuovi strumenti di comunicazione, che sono fonte di enormi potenzialità e vantaggi per la crescita e per lo sviluppo individuale e sociale.  

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: