Le lenzuola infuocano: colpa di Caronte e Lucifero

Le lenzuola infuocano grazie a Caronte e Lucifero, in questa estate 2017. L’anticiclone avvolgerà tutti nella bolla di caldo africano. Corpi sudati in notti insonni a causa delle alte temperature.

 

 

 

 

A dare qualche consiglio, e togliere qualche dubbio, il dottor Luigi Ferini Strambi.

Laurea in Medicina e Chirurgia e specializzazione in Neurologia all’Università degli Studi di Milano. Ha lavorato presso lo Sleep Disorders and Research Center del Baylor College of Medicine di Houston e dal 1985 svolge la sua attività clinica e di ricerca presso il Centro di Medicina del sonno dell’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele. Dal 1995 è direttore responsabile del Bollettino dell’Associazione Italiana di Medicina del Sonno.

Dottor Ferini Strambi il caldo può aumentare i disturbi di insonnia?

Sicuramente sì! Si fa più fatica ad addormentarsi, anche perché l’abbassamento della temperatura corporea facilita l’addormentamento. Ci sono dati sperimentali di ricercatori dell’Università di Pittsburgh che hanno messo a punto uno speciale caschetto in grado di raffreddare la testa, soprattutto nella zona frontale, per ridurre la latenza di addormentamento. Poi quando fa caldo il problema è anche quello del mantenimento del sonno: tenendo aperte le finestre entrano rumori e zanzare, che frammentano il sonno.

5 strategie “fai da te” per un buon sonno:

  • Tenere le camere da letto al buio durante il giorno, chiudendo finestre e tende, per evitare che i raggi del sole surriscaldino la stanza
  • Usare condizionatore (o ventilatore) senza esagerare
  • Piedi e mani scoperte, questo per dissipare il calore più facilmente
  • Non dormire nudi: ricordare che esiste un ritmo circadiano della temperatura corporea (picco massimo verso le 15.30-16 del pomeriggio e quello minimo verso le 3 di notte).  Quindi andare a letto nudi aumenta le probabilità di svegliarsi verso le 3, avvertendo una sensazione di freddo proprio perché la temperatura corporea è scesa.
  • Dormire da soli. Quando fa caldo, il corpo dell’altra persona agisce come una borsa dell’acqua calda e quindi aumenta la sensazione di calore.

Quali accorgimenti adottare per lenzuola e pigiama? 

Usare un pigiama di cotone che permette alla pelle di traspirare e quindi di disperdere meglio il calore, evitando la fastidiosa sensazione di appiccicaticcio.


La roncopatia peggiora con il caldo nella camera da letto?

La roncopatia può peggiorare proprio per un più facile “rigonfiamento” delle prime vie aeree. Dormire (o almeno addormentarsi) sul fianco e dormire con un cuscino alto.

 

di Redazione Family Health

 

questo articolo