Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Il pianto del bambino: come riconoscere se ha fame o dolore

27 novembre 2017

2819 Views

di Costantino De Giacomo, pediatra

Gli farà male la pancia? Avrà fame? Forse non sta bene. Non è raro che di fronte a un neonato che piange i genitori, soprattutto alle prime armi, vadano in crisi. Con un neonato l’asse della comunicazione verbale non è possibile, e allora come fare?

Il pianto come sistema di comunicazione tra neonato e genitore

Potrà sembrare strano, ma il pianto è la più evidente e manifesta modalità di comunicazione del neonato e del lattante, che utilizza tendenzialmente se è affamato o infastidito. Quanto più è grande, quanto più sono associati al pianto movimenti energici di braccia e gambe; i suoi occhi sono spalancati o chiusi e il viso diventa intensamente rosso e violaceo man mano che la durata aumenta. Nessun altro segnale ha la stessa efficacia nello stabilire un contatto con i genitori o con l’ambiente circostante.

In effetti il neonato piange sin dal suo arrivo in sala parto, quando avviene il suo primo pianto, che ha molti scopi:

  • permettere l’espansione polmonare;
  • contribuire a liberare le vie respiratorie da residui di liquido amniotico in modo da consentire meglio l’arrivo dell’aria nei polmoni;
  • è una parte importante della reazione del neonato allo stress della nascita che gli consente di sopravvivere al di fuori del corpo materno.

Ma è vero che il bambino può piangere in modi diversi? Ecco come riconoscerli

Il pianto di dolore è caratterizzato dall’alternarsi di urla acute e brevi intervallate da pause di respiro. Il pianto di dolore non è consolabile, neppure se il piccolo viene preso in braccio e coccolato.

Nel pianto da malessere le urla sono meno laceranti, il pianto è solo a tratti forte e vigoroso e può essere calmato  al contatto ed interazione affettuosa con i genitori.   

Il pianto da fame è intensamente “esplosivo”, breve e insistente ed è accompagnato da movimenti di scatto con la testa in avanti, oppure da un lato all’altro, con la bocca aperta alla ricerca del seno della mamma o del biberon.

Nel pianto da stanchezza, il piccolo, dopo una giornata sovraccarica di eventi e interazioni con diversi ambienti, persone, rumori e luci, manifesta inizialmente un pianto flebile, che gradualmente si intensifica e si trasforma in pianto più energico, svogliato e lamentoso.

Il pianto per noia è un lamento intermittente e poco intenso che si placa quando qualcuno interagisce con il bambino, prendendolo in braccio per giocare, per parlargli o accarezzarlo.

Cosa fare per consolare il pianto del bambino

Puoi trovare alcuni e altri suggerimenti nella rubrica “Lo sapevi che” nell’area dedicata al bambino 0-36 mesi del Fascicolo Sanitario Digitale personale. Il Fascicolo Sanitario Digitale personale è un moderno strumento che consente di archiviare tutti, ma proprio tutti i documenti sanitari in formato digitale di tutta la famiglia. Accedere all’area dedicata al bambino è gratuito, occorre però registrarsi. Basta un minuto del tuo tempo per accedere a tutti i servizi e le attività offerte dal Fascicolo Sanitario Digitale. Per scoprirne di più clicca qui

 

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: