Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Quattrocchi o faccia di ferro? Il segreto è scoprirsi unici e irripetibili

29 novembre 2017

386 Views

Quattrocchi o faccia di ferro, il segreto è scoprirsi unici e irripetibili. Un paio di occhiali, o un apparecchio correttivo per i denti, non devono essere causa di disagio e insicurezza negli adolescenti, che preferiscono strizzare gli occhi per mettere a fuoco o avere i denti sporgenti piuttosto che correggerli.

Ricordate Ugly Betty?

Bruttina e insignificante, scelta a lavorare nella moda proprio per non far cadere in tentazione il suo capo, perché comunque l’apparenza è tutto, avrà difficoltà a fare nuove amicizie sul lavoro e i suoi colleghi cercheranno di sabotarla e umiliarla per farla andare via in tutti i modi.

Eppure anche la brutta Betty avrà un lieto fine: il capo e i colleghi la adoreranno e non potranno più fare a meno di lei. Bisognerebbe imparare a non prendersi troppo sul serio e a ricordarsi che non tutto è per sempre, ad esempio l’apparecchio, ma che un giorno permetterà di avere denti bellissimi.

Dottoressa Miolì Chiung psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, come possiamo aiutare i ragazzi, che già hanno una bassa autostima, a fortificarli e a farli crescere nella consapevolezza che sono altro rispetto all’apparenza?

“I difetti fisici spesso diventano causa della forte insicurezza e la forte insicurezza non ci fa accettare i nostri difetti. Questo circolo vizioso non permette ai giovani di apprezzare i loro “difetti” che sono le caratteristiche del loro essere. La paura di non essere accettati dal gruppo spinge i ragazzi a volersi omologare per poter soddisfare il loro bisogno di appartenenza. Bisognerebbe cominciare a parlare di caratteristiche personali e non difetti, poiché in questa parola vi è una connotazione negativa. I ragazzi si focalizzano sul dettaglio e spesso lo amplificano, facendolo diventare a volte un’ossessione. E’ quindi necessario scoprire la bellezza della diversità e rivedere, in questa, una fonte d’ispirazione. Emotivamente l’essere omologati e non “diversi” permette ai ragazzi di credere di essere immuni al confronto con l’altro, alla derisione, al bullismo. Bisogna lavorare, sin da piccoli, sull’accettazione delle proprie risorse, sulle competenze e non sull’aspetto esteriore. Già in famiglia è possibile avviare questo processo che permetterà a ogni ragazzo di avere il piacere di essere unico e non replicabile”.

Solo con la consapevolezza si possono trovare numerosi accorgimenti per valorizzare caratteristiche momentanee, ad esempio, comprando una montatura di occhiali colorata, dalla forma originale e adatta al viso. Nascondersi, essere “invisibili” vi farà notare ancora di più, mentre vivere bene con se stessi spiazzerà e non darà modo a nessuno di entrare nella sfera emotiva.

Gli apparecchi per i denti oramai possono essere colorati e trasparenti ma mostrare grandi sorrisi sbaraglierà chiunque abbia cattive intenzioni. Il look si può fortificare, davanti allo specchio si può essere il più bello o la più bella ma senza perdere il vostro centro che farà di voi quei tipi unici e irripetibili.

di Redazione Family Health

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: