Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

60esimo Zecchino d’Oro: quali canzoni proposte quest’anno possiamo usare in un progetto educativo?

11 dicembre 2017

6943 Views

di Alberto Pellai, psicoterapeuta

Si è conclusa la sessantesima edizione dello Zecchino d’oro. Un’edizione che ha avuto un seguito incredibile sia in televisione che sui social. Il programma ha infatti registrato un vero e proprio record di ascolti nella serata dell’8 dicembre condotta da Carlo Conti e intitolata “60 Zecchini”. Si trattava di una serata celebrativa che ha tenuto davanti allo schermo quasi 5 milioni di Italiani, sbaragliando la concorrenza delle altre reti e puntando su un dolcissimo effetto nostalgia.

 

La trasmissione ha infatti sottoposto al giudizio del televoto, 12 classici del repertorio dello Zecchino chiedendo di eleggere la canzone più amata tra quelle in repertorio. Si tratta di brani che appartengono all’immaginario collettivo, canzoni che tutti abbiamo cantato da bambini e una volta diventati adulti abbiamo continuato a cantare ai nostri figli, per farli addormentare o semplicemente per farli divertire. La canzone più amata è risultata essere la canzone che vinto la prima edizione, quella di 60 anni fa, ovvero “Carissimo Pinocchio” diventata poi celebre nell’interpretazione che ne hanno reso alcuni dei più importanti interpreti della canzone italiana, primo fra tutti Johnny Dorelli.

Le canzoni della 60° edizione

Ma veniamo, invece, alle canzoni in gara in questa sessantesima edizione. Si sono contesi la vittoria finale brani tra di loro molto differenti. Brani che però il pubblico ha dimostrato di amare da subito e tantissimo considerato che il CD dello Zecchino è subito balzato al primo posto della Hit Parade delle compilation e che ci sono state più di due milioni di visualizzazioni dei brani in gara quest’anno in meno di un mese, sul canale Youtube dello Zecchino.

Come abbiamo già fatto nei precedenti articoli che abbiamo dedicato allo Zecchino d’Oro, anche in questo vi proponiamo l’ascolto e la visione di alcuni brani in gara quest’anno che hanno un particolare valore educativo, del quale vi forniamo una breve traccia per l’utilizzo con i bambini e il link al relativo cartone per poter godere anche della versione video del pezzo in questione.

Una parola magica: è la canzone vincitrice di questo 60esimo Zecchino d’Oro e rappresenta un vero e proprio inno alla gratitudine. Una canzone da ascoltare con i bambini per aiutarli ad apprezzare il bello che si trova nascosto nelle piccole cose di ogni giorno e di cui spesso, travolti dalla fretta e dalle cose da fare, ignoriamo l’importanza e la meraviglia che mettono nelle nostre esistenze.

L’anisello Nunù: è la canzone seconda classificata e per la prima volta allo Zecchino d’Oro viene affrontato il tema dei Disturbi Specifici di Apprendimento. In particolare in questa canzone si parla di Dislessia, attraverso le avventure di un asinello che, come tutti i bambini che hanno questo problema, si trova – suo malgrado – ad invertire le sillabe di alcune parole che legge e che scrive e a fare “O-I O-I”, mentre tutti gli altri compagni invece ragliano un più regolare “I-O I-O”. Un modo intelligente e divertente di parlare di un problema che esiste in tutte le classi della scuola primaria. Una canzone che potrebbe essere usata dagli insegnanti per aiutare a comprendere il problema specifico da cui risulta interessato qualche loro studente.

Mediterraneamente: questa canzone si è classificata al terzo posto e racconta con modalità molto appropriate per i bambini un tema complesso, relativamente al quale è spesso difficile trovare le parole giuste. E’ una canzone che parla di immigrazione, in particolare dei bambini non accompagnati che giungono in Italia facendo i viaggi della speranza sui barconi che attraversano il Mar Mediterraneo. E’ una canzone piena di speranza, dall’incedere dolce e ondulato, proprio come le onde del mare su cui si sposta la speranza di persone che fuggono da una terra che mette a rischio il loro futuro. Una canzone per pensare, riflettere e discutere, adattissima in un progetto di educazione multiculturale o di integrazione promosso a scuola.

 

 

Oltre a queste canzoni, lo Zecchino di quest’anno ha proposto altri temi importanti per l’educazione e la crescita dei minori:

  • il tema della diversità presente nel brano “Il pescecane”

 

  • il tema della relazioni virtuali che tutti viviamo nei social, approfondito nella canzone “Sì, davvero mi piace”

 

  • il tema dell’amicizia e della fratellanza, che compare nel brano “La ballata dei calzini spaiati “

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: