Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Tempo di sci e di prevenzione ad alta quota

26 gennaio 2018

271 Views

Tempo di sci e di prevenzione ad alta quota, perché sciare è una delle emozioni più sensazionali di chi ama questo sport ma per goderne il benessere bisogna prevenire, adottando una giusta protezione alla pelle del viso e agli occhi.

 

 

 

In alta quota il sole è più vicino e il riverbero della neve moltiplica i raggi e quindi è necessario proteggere sempre le palpebre e la pelle del viso quando si inforca lo snowboard o gli sci. A farci da monito sono gli studi dei medici dell’Università di Liverpool, Department of Eye & Vision Science, a conclusione di uno studio pubblicato sulla rivista PlosOne.

Il 5 e il 10% di tutti i tumori alla pelle riguardano le palpebre

Si ipotizza che l’alta prevalenza di tumori alla palpebra dipendano dalla sottigliezza della pelle in quel punto e dalla conseguente maggior vulnerabilità ai raggi ultravioletti, considerati fattore di rischio dei carcinomi della pelle.

Quando si scia bisogna dotarsi di occhiali da sole adatti al proprio occhio e al tipo di esposizione solare. Solo una persona su dieci sceglie gli occhiali da sole con lo scopo di proteggere la propria vista, invece per il 35% l’impatto estetico è più importate.

Il popolo dello sci deve ricordarsi che le creme con alto fattore di protezione devono essere messe su viso e collo con molta cura, perché proteggersi dai raggi del sole abbassa le possibilità del tumore alla pelle.

Kevin Hamill della University of Liverpool

“Gli occhi e la pelle intorno a loro sono particolarmente vulnerabili alle radiazioni ultraviolette e al cancro, quindi sciatori e snowborders che sono a rischio di forte esposizione agli UV devono stare molti attenti. Una approfondita applicazione iniziale di protezione solare con fattore minimo 30 è ancora non sufficiente. Dovete portarvi crema o spray sulle piste per ripetere a intervalli regolari l’applicazione. Necessari occhiali da neve e da sole, meglio avvolgenti per proteggere l’intero occhio”.

Scelta degli occhiali da sole

Scegliere occhiali da sole con filtri a norma di legge, realizzati in materiale anallergico. La montatura deve abbracciare il viso ed essere morbida. La lente deve essere infrangibile meglio se a mascherina, anche per una buona protezione laterale degli occhi
La colorazione della lente va scelta in maniera accurata: per occhi più lunghi del normale (ipermetropia) si devono prediligere lenti verdi o grigio-verdi, mentre per occhi più corti della norma (miopia) sono consigliati colori caldi come il marrone. No alle lenti dai colori sgargianti o fluo, di forte appeal estetico, non sono adatte per filtrare la luce a forte intensità.

di Redazione Family Health

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: