Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

L’importanza di chiedere scusa ai figli quando si sbaglia

27 febbraio 2018

998 Views

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta

Per essere genitori efficaci è fondamentale essere coerenti, sei si se vuole che i figli imparino a rispettare gli altri e ad assumersi la responsabilità delle proprie azioni, è importante essere degli esempi positivi per loro attraverso il proprio comportamento e insegnargli anche a chiedere scusa quando serve, senza paura di perdere il proprio ruolo.

 

Non esiste il genitore perfetto e, in alcune situazioni, può capitare di sbagliare e perdere la pazienza. Spesso ci si sente in colpa, si ha paura di aver creato un problema nel figlio, ma bisogna stare sereni, l’errore è normale, anzi devono rappresentare dei momenti di riflessione e se serve di messa in discussione. La riparazione è molto importante, perché si dà un insegnamento importante ad un figlio e si evita che si irrigidiscano i rapporti.

Ciò che fa male è la ripetitività, è l’aver paura di chiedere scusa per orgoglio o per paura di perdere il proprio ruolo genitoriale. Chiedere scusa insegna a fare l’analisi delle proprie azioni, a rispettare l’altro e ad entrare in contatto con le proprie emozioni e con quelle di chi ci sta intorno, un comportamento che i figli è bene che imparino soprattutto anche attraverso l’esempio dei genitori.

L’importanza di chiedere scusa: quale insegnamento per i figli?

I genitori hanno il compito importante, ed estremamente difficile, di sostenere i figli nella crescita e di essere un modello positivo per loro. Per essere genitori efficaci è fondamentale essere coerenti, ciò che fa più male ad un figlio è l’ambivalenza e l’incoerenza, dire una cosa e poi farne un’altra, oppure reiterare nell’errore per paura di ammettere che si è sbagliato.

Quando un genitore chiede scusa dopo aver sbagliato, sta comunicando al figlio il messaggio che si possono commettere degli errori, ma che l’importante è rendersene conto e rimediare, dimostrando che le relazioni si basano sul rispetto reciproco.

Come chiedere scusa a un figlio?

  • Siate autentici, sono in grado di apprezzare la sincerità. Se ci si rende conto di aver reagito in modo impulsivo, di non essere stati coerenti o di aver gestito in maniera inappropriata una situazione, è importante parlare con il figlio e quando serve scusarsi con lui, in modo autentico, facendogli sentire che si è compresa anche la sua delusione o la sua sofferenza per quanto è accaduto. È importante che le scuse siano chiare e che venga spiegata in maniera congrua la motivazione senza perdere il proprio ruolo di genitore, senza struggersi, ma con calma e tranquillità.
  • Mostratevi tranquilli e consapevoli. È fondamentale che le scuse nascano da una reale consapevolezza dei propri errori, non da un darla vinta al figlio, come spesso accade con i figli adolescenti per evitare reazioni a catena, non si deve essere mossi dalla volontà di alleviare il proprio senso di colpa. Si dovrebbe evitare di dire frasi del tipo “scusa, ma ti comporti sei tu male e mi fai perdere la pazienza”, non è attaccando che si risolvono i problemi, ma analizzando la situazione e magari facendo capire che ci sono anche dei comportamenti e degli atteggiamenti che fanno perdere le staffe,soprattutto quando sono completamente fuori luogo. Non si dovrebbe mai attaccare il figlio da un punto di vista personale ma riprendere i suoi comportamenti, esempio evitare “sei cattivo e così mi fai star male” e puntare l’accento sul “ ti sei comportato male o ciò che hai fatto ecc…”.
  • Date valore alle vostre scuse. Bisogna fare attenzione a non abusare del termine “scusa”, perché altrimenti rischia di perdere completamente di significato e di valore, diventa un’abitudine e si trasmette ai figli l’idea che possa essere un modo per non assumersi davvero le proprie responsabilità, continuando a commettere sempre gli stessi errori. La parola scusa è molto importante, ed è bene che la imparino se non l’hanno già appresa da piccoli, da usare però quando si commette un errore, non per ogni cosa che magari all’altro non va bene.
  • Siate pazienti. Non bisogna avere fretta soprattutto quando sono adolescenti, sfidano, mantengono la propria posizione, anche se sotto sotto sono molto contenti del comportamento del genitore, spesso non gli danno la soddisfazione e, anche se rimangono chiusi nel loro silenzio, apprezzano il gesto. A volte il conflitto non si risolve con un semplice scusa, bisogna aver pazienza e non perdere mai il proprio ruolo di guida, perché si deve tenere presente che anche i ragazzi hanno bisogno di tempo per elaborare quanto accaduto. In questo caso non serve insistere, ma concedere al figlio un tempo e uno spazio per riflettere in modo autonomo sulla situazione.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: