Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Figli adolescenti in viaggio da soli e genitori a casa preoccupati

di Maura Manca, Psicologa

16 luglio 2018

1140 Views

Presto o tardi arriva il momento in cui i ragazzi non vogliono più trascorrere le intere vacanze estive con mamma e papà e chiedono, a volte pretendono, di fare un viaggio con i propri amici o di restare a casa da soli. Come non trasformare questo bisogno di indipendenza in una fonte di conflitti e litigi inutili e poco costruttivi?

Ecco alcuni consigli utili per gestire al meglio le naturali preoccupazioni legate a queste prime esperienze di autonomia dei figli:

  1. Sostenere il loro bisogno di autonomia e di mettersi alla prova. Nel momento in cui i ragazzi fanno questo tipo di richiesta è importante ascoltarli e trovare una soluzione condivisa o dei compromessi, anziché vietare a priori l’esperienza. Non significa lasciargli in mano ogni decisione, ma al contrario condividere la scelta della località o del tipo di viaggio, in base anche alla loro età, dando dei limiti quando serve e stabilendo alcune condizioni importanti e non negoziabili.
  2. Prendere decisioni insieme. È importante coinvolgere i figli e renderli parte attiva: ad esempio condividere con loro l’importanza di essere aggiornati sui loro spostamenti e decidere insieme il budget della vacanza per stimolarli a gestire in modo più autonomo, responsabile e adeguato le proprie risorse.
  3. Stimolare il loro senso di responsabilità. È importante dialogare in modo sereno, con un tono calmo e aperto su ciò che vorrebbero fare insieme agli amici. I genitori devono trasmettergli il messaggio che si fidano di loro e che possono aiutarli a riflettere anche su eventuali rischi, pur rispettando il loro desiderio di autonomia. Devono essere i loro primi alleati e qualora si presentasse un problema, i ragazzi devono sapere che mamma e papà sono sempre pronti a sostenerli.

Cosa NON fare?

  1. Non assillarli con telefonate e messaggi. È importante cercare di gestire la propria ansia ed evitare di scrivere o telefonare in continuazione, altrimenti si rischia di essere opprimenti e i ragazzi finiranno per non rispondere. Si può, ad esempio, concordare con loro prima di partire degli appuntamenti telefonici da rispettare, per tenersi aggiornati e sapere come stanno. Al ritorno ci sarà tutto il tempo per condividere e farsi raccontare la loro esperienza.
  2. Non bombardarli di raccomandazioni. Consigli e prediche servono più al genitore che ai figli, i quali finiranno presto per non ascoltare quello che dicono mamma e papà. Sarebbe meglio confrontarsi con loro prima della partenza, facendoli riflettere anche sull’importanza di divertirsi mantenendo sempre i giusti limiti.
  3. Non trasmettere ansia e sfiducia. È inutile e controproducente rimarcare le emozioni negative sperimentate dal genitore. È importante, al contrario, salutarli con tranquillità, incoraggiandoli a divertirsi e vivere al meglio questa esperienza. Anche i genitori, inoltre, possono approfittare di questo tempo di vacanza per ritagliarsi dei momenti per sé e staccare la spina.

Un viaggio da soli è per i ragazzi non solo un’opportunità di divertimento e libertà, ma anche un modo per mettersi alla prova, così che possano crescere, essere soddisfatti di se stessi e sperimentare la loro auto-efficacia.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: