Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Nutrigenomica e nutrigenetica: lo studio dei rapporti tra DNA e alimentazione

di Francesca Torricelli e Anna Baroncini, Genetiste

29 ottobre 2018

186 Views

 

La nutrigenetica e la nutrigenomica sono due discipline complementari che studiano le interazioni tra patrimonio genetico e alimentazione al fine di favorire la messa a punto di strategie nutrizionali capaci di migliorare la salute dei singoli e delle popolazioni.

Nell’ambito dei rapporti tra il nostro DNA e l’ambiente in cui viviamo un tema di particolare interesse è l’interazione tra patrimonio genetico e alimentazione poiché è noto, sin dall’antichità, che il cibo può influire sulla salute delle persone. Questa interazione è oggi esplorata dalla nutrigenetica e dalla nutrigenomica.

Questi termini sono talvolta usati in modo interscambiabile, ma in realtà le due discipline, seppur complementari, presentano delle differenze.

La nutrigenetica studia la relazione tra le variazioni del profilo genetico individuale e la risposta ai nutrienti o, in altri termini, come ogni persona reagisce alle sostanze biologicamente attive contenute nei cibi.

La nutrigenomica si occupa dell’altro lato della medaglia, ossia degli effetti che i nutrienti e le altre molecole introdotte con l’alimentazione esercitano sull’espressione dei geni, valutandone vantaggi e svantaggi sul piano del rapporto salute-malattia. Le sostanze bioattive presenti nei cibi costituiscono infatti segnali epigenetici, ossia condizionano il funzionamento dei geni, attivandoli o disattivandoli, senza alterarne la sequenza nucleotidica. Le variazioni dell’attività genica possono, a loro volta, influenzare il fenotipo non solo a livello delle singole cellule, ma anche dell’intero organismo e avere quindi un ruolo nello sviluppo di certe malattie o, viceversa, nella salvaguardia della nostra salute.

Si tratta di studi complessi in quanto i parametri da valutare sono innumerevoli: le tante molecole bioattive degli alimenti, gli altri fattori ambientali, la costituzione fisica, l’anamnesi personale, etc. E’ pertanto difficile stabilire una relazione lineare tra il singolo nutriente, il suo ruolo epigenetico e il fenotipo.

Nell’attesa che la ricerca consenta di mettere a punto strategie nutrizionali capaci di migliorare la salute dei singoli e delle popolazioni, non dimentichiamoci di adottare comunque un’alimentazione sana ed equilibrata.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: