Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Prevenzione della disabilità

di Giovanni Corsello, Professore Ordinario di Pediatria

3 dicembre 2018

161 Views

L’incremento della sopravvivenza della popolazione è un fenomeno ormai stabile e confermato in molti paesi del mondo, soprattutto in quelli a più alto reddito e livello socioeconomico.

I fattori responsabili sono numerosi e vanno ricercati in diversi ambiti e contesti.

Longevità degli anziani

Uno di questi è la sopravvivenza più alta degli anziani sottoposti a trattamenti innovativi per la cura delle malattie croniche, più costosi e nello stesso tempo nel loro complesso certamente più efficaci nel controllo dei sintomi e della evolutività delle alterazioni cliniche. Gli interventi sempre più mirati e personalizzati nei confronti delle malattie neoplastiche, cardiovascolari, dismetaboliche hanno determinato un prolungamento significativo della sopravvivenza di chi ne è affetto, ma nello stesso tempo in alcuni casi e per alcune patologie hanno indotto un incremento della frazione di popolazione con disabilità correlata con la patologia di base e/o con modalità di trattamento invasive. L’aumento degli anziani con disabilità acuisce i costi economici delle malattie croniche e dell’invecchiamento della popolazione. Il tutto aggravato da una contestuale e progressiva riduzione della natalità in molti paesi, tra cui il nostro, fenomeno che contribuisce a rendere poco sostenibile il costo a medio e lungo termine dell’invecchiamento della nostra popolazione.

Diagnosi precoce delle malattie congenite e rare

Negli ultimi anni, a fronte dei progressi ottenuti dalla ricerca scientifica e dalla innovazione tecnologica, sono notevolmente migliorati i profili di trattamento di molte malattie congenite e rare, un tempo causa di mortalità infantile per la loro precoce letalità. Oggi questi soggetti vengono diagnosticati più precocemente, anche in fase preclinica grazie agli screening prenatali e neonatali, e sottoposti a trattamenti medici o chirurgici in grado di modificarne la storia naturale, garantendo loro una sopravvivenza prolungata e spesso anche una migliore qualità della vita e della salute. Non sempre però questi interventi sono in grado di evitare che si determinino condizioni di disabilità fisica, motoria, cognitiva o sensoriale, con necessità di controlli e follow-up longitudinali e prolungati, ad alto costo per la società e a volte anche per le famiglie.

Prevenzione come soluzione economica

Alla luce di quanto brevemente esposto, è chiaro oggi che le prospettive di salute e la riduzione dei costi sociali economici correlati con la disabilità dipendono dalla prevenzione, da interventi in grado di incidere su stili di vita a rischio (squilibri alimentari, sedentarietà, esposizione ad inquinamento e sostanze tossiche o di abuso) e sulle cause e sui fattori responsabili delle patologie croniche e delle loro conseguenze. Una prevenzione precoce personalizzata a tutte le età è oggi l’unica chiave di volta per migliorare sopravvivenza e qualità della vita e della salute e per renderla sostenibile anche nell’ambito di quel prezioso servizio sanitario nazionale del nostro paese, che compie in questi mesi i suoi primi quaranta anni di vita.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: