Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Piuma

di Alberto Pellai, Psicologo e Psicoterapeuta

13 febbraio 2019

866 Views

Regia di Roan Johnson. 2016 conn Luigi FedeleBlu YoshimiMichela CesconSergio PierattiniFrancesco C ColellaCommedia – Italia2016durata 98 minuti.

Ferro e Cate sono due adolescenti che si stanno preparando per l’esame di maturità, C’è tutta la vita davanti a loro, lì, fuori, ad aspettarli. Ma un giorno scoprono che Cate è incinta. E bisogna comprendere che cosa fare di questo bambino che entra così all’improvviso nelle loro esistenze e chiede ai due ragazzi di prendere decisioni per le quali non sono ancora pronti.

La gravidanza di Cate scatena un mondo di reazioni negli adulti con cui lei e Ferro vivono. Fondamentalmente il bambino che dovrebbe nascere è da tutti visto come un problema, qualcosa che andrà ad intralciare l’idea di futuro che, secondo gli adulti, i due ragazzi dovrebbero invece perseguire. Ma Ferro e Cate si vogliono bene. Hanno sogni e ideali ma anche un fortissimo senso di aderenza alla realtà. Vedono il bambino in modo completamente differente dai tanti adulti che vorrebbero farli “ragionare”. Il bambino è un’opportunità per la loro vita, una “piccola persona da amare”. In un mondo dove gli adulti hanno deprivato di futuro e speranza chi sta diventando grande, quel bambino è un segno tangibile che il futuro c’è per chi lo sa guardare in faccia, non per chi cerca di sfuggirvi. In effetti, il film è anche un’amara rappresentazione di cosa gli adulti di oggi hanno fatto del loro futuro, di tutti quei sogni che avevano imparato a sognare quando avevano la medesima età di Ferro e Cate. E ciò che testimoniano non è di sicuro attraente per i due ragazzi. Gli adulti che li circondano sembrano fortemente affaticati dalle vite che hanno imparato a gestire, scontenti, sempre e ancora in cerca della giusta occasione o di un cambiamento che dovrebbe finalmente dare loro un senso di appagamento e di realizzazione. Il padre di Cate è un uomo che vive in bolletta, attanagliato dai debiti e sempre alla ricerca della “scommessa vincente” con cui risolvere i problemi economici della sua esistenza. Il padre di Ferro sogna invece di mollare tutto, vendere casa e trasferirsi in Toscana dove avviare una seconda partenza per la sua vita. I due ragazzi sono spesso più capaci di adattarsi alle fatiche e alle sfide che la vita mette loro davanti dei loro stessi genitori. Per cui decidono di andare contro-corrente e di portare a termine la gravidanza. Si assumono la responsabilità di diventare genitori e mese dopo mese, in mezzo a tante differenti peripezie, mettono a fuoco, tra salite e discese, tra cadute e capacità di risollevarsi, il loro personale modo di diventare madre e padre. Lo fanno andando allo sbaraglio, accogliendo i propri limiti, senza mai smettere di credere nel futuro e nella loro capacità di abitarlo a pieno titolo. La bambina che nascerà verrà chiamata Piuma, un nome che richiama la leggerezza con cui essi stessi sanno muoversi e galleggiare nella vita. Entrambi sono due giovani che si sono fatti da soli, che si stanno inventando, che galleggiano – per dirla alla Baumann –  in una società liquida, immagine che il regista ci offre non solo simbolicamente ma anche concretamente, considerato che in più passaggi della pellicola i due ragazzi nuotano fisicamente nell’acqua, galleggiando sopra i loro quartieri, la periferia che li ha visti crescere, le loro stesse esistenze.

Cosa ci insegna questo film

Il film aiuta noi adulti a vedere la forza e la resilienza che abita il mondo degli adolescenti. Aiuta a comprendere quanta fragilità la nostra visione dell’esistenza, le nostre aspettative, i nostri pre-giudizi può mettere nelle loro vite. Al tempo stesso Cate e Ferro sono due esempi, teneri e potenti allo stesso tempo, di come l’adolescenza sia un’età piena di risorse, di come l’idealità e quella immaturità sognante che ancora non è stata contaminata dal cinismo adulto, renda i ragazzi capaci di imprese grandi e di messe alla prova che superano ogni aspettativa possibile. Cate e Ferro dimostrano davvero di saper andare contro-corrente. Di essere come un’automobile che imbocca l’autostrada dalla parte sbagliata e l’unica cosa che sa fare è interrogarsi sul perché cosi tanti viaggiatore stanno muovendosi in direzione sbagliata (citazione che apre il film). Oggi, attraversare l’adolescenza in modo coraggioso e autonomo, prendendosi le responsabilità connesse al diventare adulti, comporta per i ragazzi spesso di andare contro lo stesso mondo adulto, che li vorrebbe relegare in una vita con poche scosse emotive e affettive, dove si mettono via scarse competenze e ci si adatta a diventare adulti fragili e con poche risorse. Nel film i ragazzi fanno quasi tutto da soli. Gli adulti sembrano incapaci di comportarsi come tali. A volte addirittura, sembrano invertiti i ruoli, ovvero sono i ragazzi che si preoccupano di chi li ha messi al mondo. C’è un purezza e una tenerezza in Cate e Ferro che dovremmo imparare a cercare e a coltivare anche nei nostri figli. La sfida dei due ragazzi qui è davvero estrema, ma il film ci invita a non metterci davanti a chi cresce con le nostre credenze e pre-giudizi, bensì a fare – a volte – un passo indietro provando a verificare la capacità di mettersi alla prova dei giovanissimi. Spesso questo protagonismo e questa capacità di autodeterminarsi dà risultati davvero inaspettati. Il film propone anche una riflessione profonda e leggera al tempo stesso su che cosa significa diventare ed essere genitori. Quali sono i pensieri e le emozioni da mettere in gioco in questo passaggio della vita? Forse, oggi, si fanno meno figli perché abbiamo perso quella capacità tutta giovanile di saperci anche abbandonare alla vita e a quello che ha da proporci.

Il messaggio del film

L’adolescenza è un’età ricca di sfide. Ma anche ricchissima di risorse per poterle affrontare. Chi cresce ha bisogno di avere al proprio fianco adulti competenti e soprattutto in grado di infondere fiducia e di valorizzare le abilità, nuove e tante, che l’adolescenza porta con sé.

 

Le domande per riflettere

  • Che cosa vi colpisce dell’atteggiamento genitoriale in questa storia?
  • A quale genitore vi sentite più vicini per attitudine e competenze?
  • Che cosa sarebbe successo nella vostra famiglia, se aveste avuto da affrontare una sfida come quella di Cate e Ferro?
  • Che genere di educazione affettiva e sessuale avete progettato nella vostra famiglia per aiutare i vostri figli ad entrare in questo territorio della crescita con la giusta dose di responsabilità?

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: