Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Farmaci e alimenti: le relazioni pericolose

di Martina Donegani, Biologa Nutrizionista

14 marzo 2019

596 Views

Non tutti lo sanno ma il cibo può interagire con alcuni medicinali ed è importante tenerne conto, per garantirsi il massimo della sicurezza ed evitare spiacevoli inconvenienti…

A stomaco vuoto

Per alcuni farmaci influisce negativamente la semplice presenza di cibo nello stomaco. Si tratta di quei medicinali che si raccomanda di prendere “a stomaco vuoto”, cioè almeno un’ora prima o due ore dopo aver mangiato.

Questa interferenza negativa si può manifestare in vari modi:

  • Il cibo può rallentare l’assorbimento dei farmaci. È il caso, per esempio, della digitale (La­noxin, Eudigox, Cardioreg…), un medicinale utilizzato da molto tempo nella cura dello scompenso cronico di cuore, il cui assorbimento è ri­tardato, anche se non ridotto, dalla pre­senza del cibo.
  • Può diminuire o aumentare l’assorbimento. Per esempio, l’astemizolo, un antistaminico utile contro il raffred­dore allergico, deve essere preso lon­tano dai pasti se non si vuole vederne compromesso l’assorbimento anche dell’80%, con una forte ridu­zione dell’effetto terapeutico.

È bene assumere a stomaco vuoto anche gli antibiotici a base di ampicillina (Amplital, Amplium, Bethacin..) ed eritromicina (Eritrocina, Erytrociclin…), perché rischiano di ridurre la loro azione curativa se rimangono troppo a lungo nell’intestino.

Nel caso del diazepam (Valium, Ansiolin…), usato per ridurre l’ansia e indurre il sonno, l’effetto è contrario: la presenza del cibo aumenta l’assorbimento del farmaco, anche se per un effetto più rapido è comunque meglio assumere questi farmaci a stomaco vuoto.

A stomaco pieno

Ci sono anche farmaci che vanno assunti durante o subito dopo i pasti.

  • Per proteggere lo stomaco. Soprattutto gli antinfiammatori, gli antidolorifici, gli antiartritici, come l’Aspirina (il cui principio attivo è l’acido acetilsalicilico, presente anche in molti altri medicinali) e il Voltaren, possono irritare le pareti dello stomaco. L’assunzione a stomaco pieno attenua questo effetto. Un’eccezione va segnalata: il paracetamolo (Tachipirina, Efferalgan…), analgesico che rispetta anche lo stomaco vuoto.
  • Per rallentare il passaggio del farmaco nel tratto gastro-intestinale. Alcuni farmaci, come la fenitoina, usata contro l’epilessia, o la nitrofurantoina, contro le infezioni delle vie urinarie, vengono assorbiti molto lentamente dall’intestino ed è un bene, quindi, che sostino a lungo nel tratto gastro-intestinale.

Gli abbinamenti da evitare

Nel caso di alcuni farmaci, non è importante solo controllare se vanno presi a stomaco vuoto o pieno, ma è necessario evitare di abbinarli a specifici alimenti. Ecco alcuni dei principali:

  • La teofillina è una sostanza usata per curare chi soffre di disturbi respiratori cronici. Gli alimenti ricchi di proteine e i cavoli accelerano la trasformazione dei farmaci (stimolano l’azione del fegato) e questo può essere negativo nel caso della teofillina, perché una maggior velocità delle trasformazioni chimiche fa diminuire la sua efficacia.
  • No al latte insieme alle tetracicline. Il latte e i suoi derivati vanno tenuti ben separati dagli antibiotici a base di tetracicline, per evitare che gli uni ostacolino l’azione degli altri.
  • Poche verdure a foglia verde per chi si cura con anticoagulanti. Broccoli, spinaci e lattuga sono ricchi di vitamina K, che attenua il potere di questi farmaci.
  • No all’alcol. L’associazione con le bevande alcoliche è pericolosa soprattutto nel caso di sonniferi, antidepressivi, tranquillanti, antistaminici e, anche se in misura decisamente minore, di alcuni antiacidi.
  • Il pompelmo interagisce con numerosi farmaci, spesso potenziandone l’effetto con il rischio di sovraddosaggio, per questo quando si è in cura con medicinali andrebbe evitato o comunque consumato con prudenza. Tra i farmaci “nemici” del pompelmo troviamo gli antibiotici della classe dell’Ampicillina e dell’Eritromicina, alcuni ansiolitici (diazepam, triazolam…), statine, farmaci immunosoppressori, antistaminici come la terfenadina e vari altri.
  • Se si assumono antibiotici della classe dei Sulfamidici è bene non consumare uova, perché nell’intestino alcuni componenti dell’uovo si possono legare ai sulfamidici, limitando il loro assorbimento.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: