Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Ragazzi attratti da libri, film e serie che parlano di amore e sessualità. Divieto o complicità?

di Maura Manca, Psicologa

20 maggio 2019

164 Views

Temi legati all’amore e alla sessualità sono argomenti che attraggono come calamite la curiosità degli adolescenti, non solo, come spesso erroneamente si crede, i ragazzi di oggi, quelli che hanno tutto a portata di click. Lo dimostra il fatto che immagini e video pornografici sono ricercati nel web già dai bambini e film, libri e serie dove ci sono anche incastri amorosi e intrecci tra partner sono i più visti. Sono aspetti non facili da gestire per molti genitori spinti da un impulso iniziale di censurare tutto e di crescere i figli il più possibile lontani da questo tipo di “contaminazioni”. Con l’uso quotidiano e massiccio dei social usati anche come canale di informazione, divulgazione e intrattenimento, i ragazzi rispondono agli hashtag più improbabili, dietro i quali spesso si nascondono, creano gruppi di scambio di materiale e sono a contatto anche quotidiano con queste tematiche.

Attualmente stiamo assistendo al ciclone After. I libri di After, scritti da Anna Todd, raccontano la storia d’amore tra una ragazza adolescente che frequenta un college e un ragazzo bello e tenebroso. In pochissimo tempo, con 11 milioni di libri venduti in tutto il mondo, milioni di hashtag su Instagram, è diventato un best seller e un film che sta spopolando tra gli adolescenti. I romanzi hanno fatto molto parlare di sé perché ricchi di dettagli erotici, tanto che molti genitori si sono preoccupati e si sono domandati se i contenuti non fossero troppo spinti e se fosse il caso o meno di far leggere After ai propri figli o di fargli vedere il film.

Divieto o condivisione: qual è la strada migliore?

Nonostante agli occhi di un genitore i figli sembrino sempre troppo piccoli per certi argomenti, non possiamo sottovalutare il fatto che oggigiorno i ragazzi nati e cresciuti nell’era digitale, sono esposti a contenuti a sfondo sessuale in età sempre più precoci. Per tale ragione, se un figlio chiede di leggere un determinato romanzo o di vedere un film, invece di imporre un veto immediato, magari, sarebbe importante sfruttare al meglio queste situazioni, mettendo da parte l’imbarazzo e cercando di creare un dialogo su temi delicati come la sessualità, in modo che non si creino tabù e un figlio sappia di potersi confrontare su tutto con i genitori.

Se desiderano comprare la saga di romanzi After o vedere altri tipi di film o serie tv adolescenziali, il primo passo è capire il perché ne sono così attratti e perché per loro è importante. Da un lato indubbiamente c’è l’effetto contagio delle mode giovanili, il “lo vedono tutti e quindi anche io”, dall’altra, optare solo per il divieto, senza aprire un confronto, rischia di non essere una soluzione efficace: i contenuti, infatti, potrebbero comunque emergere parlandone tra amici oppure i ragazzi potrebbero leggere il libro direttamente dai loro coetanei o vedere il film di nascosto. Infatti, solitamente, quando gli viene vietato qualcosa che desiderano con tutte le loro forze, riescono a trovare degli escamotage per aggirare l’ostacolo e ottenere ciò che vogliono. In più con il web oggi è difficile, o praticamente impossibile, imporgli un divieto. Tra pagine social e divulgazione social è meglio prevenire e preparali.

Conoscere il loro mondo permette di tutelarli!

Le mode e passioni dei figli, sembrano distanti anni luce dai genitori, tanto da apparire spesso incomprensibili agli occhi degli adulti. Leggere anche i loro libri o vedere i film in parallelo e man mano parlarne insieme, può aiutare ad abbattere il muro della distanza. Avvicinarsi in punta di piedi al loro mondo e vedere ciò che vedono i loro occhi significa cercare di capire la loro adolescenza e ciò che passa nella loro testa, mettendoli in guardia sui possibili rischi e stabilendo quei paletti necessari affinché non vadano fuori strada. Ogni volta che i ragazzi percepiscono di avere di fronte un adulto che sa di cosa si sta parlando, disposto ad ascoltarli e aperti alla riflessione, si sentono subito contenuti e riescono ad aprirsi anche su tematiche intime e delicate.

 

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: