Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Bambini e adolescenti sempre più ansiosi. Come combattere l’ansia da prestazione?

di Maura Manca, Psicologa

22 ottobre 2019

2736 Views

Sono sempre più in crescita i bambini e i ragazzi che, in vista di un’interrogazione, un compito in classe o una gara sportiva, sperimentano alti livelli di ansia e preoccupazione, non si sentono sicuri e arrivano anche a bloccarsi e a rifiutare di affrontare il problema.

Sentire la pressione del risultato, dover prendere bei voti a scuola e ottenere sempre ottimi risultati in tutto ciò che si fa, per quanto sia appagante per un genitore, in un figlio, può generare  stress e angoscia anche se non lo manifestano apertamente. Sperimentano una profonda pressione interna, si sentono in dovere di farlo e non riconoscono il diritto di poter sbagliare e di non essere per forza un talento o un campione. A volte questo disagio viene espresso attraverso il pianto o i pensieri negativi altre, invece, in maniera più silente come per esempio con l’abbassamento del tono dell’umore, l’insonnia, l’ansia, la tachicardia o il mal di pancia, nausea e mal di testa.

Il problema è che molte volte i figli sono investiti di aspettative troppo elevate che li portano a non sentirsi all’altezza e ad avere paura di sbagliare. È normale che i genitori siano attenti agli obiettivi e al loro rendimento, ma non bisogna esagerare, perché possono sentire di essere considerati solo se riescono a soddisfare le loro aspettative. Per il loro ben-essere è fondamentale riconoscerli come persone, non come prestazione.

Come aiutarli a gestire l’ansia da prestazione?

  1. DARE VALORE ALL’IMPEGNO E MENO AL RISULTATO

È importante lodare anche i piccoli passi in avanti, l’impegno e la grinta dimostrata. I figli devono capire che studiare e allenarsi non serve ad arrivare primi, ma ad imparare e a conoscere ciò che non si sa fare per migliorarsi.

  1. SCEGLIERE LE ATTIVITA’ IN BASE AI LORO INTERESSI

Se i figli si rifiutano di affrontare una gara sportiva o una recita per paura di sentirsi inadeguati, bisogna incoraggiarli, sottolineando i loro punti di forza. È bene scegliere le attività anche in base ai loro interessi: quando c’è una passione, la si fa con piacere e si riesce meglio.

  1. AIUTATELI A TOLLERARE GLI INSUCCESSI

Quando i figli non accettano una sconfitta, è importante parlarne con loro, facendogli capire che può succedere e che non si può riuscire sempre in tutto. Può essere utile raccontare esperienze personali in cui si è vissuto un insuccesso e, imparando dagli errori, ci si è rialzati più forti di prima.

  1. EVITARE I PARAGONI CON GLI ALTRI

Durante le attività che svolgono, a scuola o nello sport, non bisogna fare i confronti con i compagni: piuttosto che spronarli, si rischia di ottenere l’effetto contrario. Ognuno è unico e deve esprimersi in funzione delle sue capacità.

I bambini e i ragazzi hanno diritto a vivere con piacere le esperienze senza essere sopraffatti dalla pressione di dover necessariamente raggiungere certi obiettivi. Curiamo troppo poco il piacere e puntiamo troppo sul dovere. Il piacere non è legato al risultato finale!

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: