Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Tutti a casa da scuola: e adesso che facciamo?

di Alberto Pellai, Medico Psicoterapeuta dell'età evolutiva, Ricercatore, Dip. Scienze Biomediche dell'università degli Studi di Milano

6 marzo 2020

8363 Views

Tutti a casa. Scuole chiuse. Palestre inaccessibili. Associazioni sportive e oratori che di settimana in settimana comunicano ai gruppi whatsApp dei genitori che le attività sono sospese fino a nuovo avviso.

I figli si trovano davanti a un tempo vuoto, lungo, a cui non sono più abituati. Da quando sono nati, si trovano ad abitare vite “superaffollate”, in cui gli impegni si incastrano come tessere di un puzzle dai profili rigidi e immodificabili. Ora invece è tutto da inventare. Per loro il rischio è la noia. Una noia senza soluzione di continuità, che potrebbe rivelarsi anche un’ottima opportunità per riscoprire passioni e interessi, che nel tempo normale sono stati abbandonati e disattesi.

Noi genitori dobbiamo essere “stimolanti” in contesti di questo tipo. Altrimenti non sperimenteremo altro che figli che vagano per casa nervosi e costantemente alla ricerca di uno strumento elettronico con cui riempire il tempo e il loro bisogno di sentirsi ingaggiati in qualcosa. Ecco, qui sotto, cinque proposte di attività che è possibile fare e che sono in grado di riempire il tempo, permettendo di non trascorrere intere giornate muovendosi da uno schermo all’altro.

1)    I giochi in scatola: spesso dimenticati e disattesi, sono invece strumenti straordinari per trascorrere il tempo in modo divertente e costruttivo, stando in relazione e stimolando molte competenze, sia emotive che cognitive. Monopoli, Dobble, giochi a carte, dama: sia i bambini che gli adolescenti amano giocare a questa tipologia di giochi con noi genitori. E se ci coinvolgiamo in questo tipo di esperienza, scopriremo che il divertimento è assicurato anche per noi.

2)    Un’attività laboratoriale che richiede tempo e collaborazione: può essere un dolce, una composizione artistica, un mobile da montare (che da settimane tenevamo in garage perché non avevamo il tempo di comporlo) oppure un puzzle da 500 pezzi. I bambini amano fare le cose con noi. Se ci mettiamo a disposizione in questo senso, vivremo un’esperienza creativa e scopriremo insieme la bellezza di darci un obiettivo e di coglierlo cooperando.

3)    La lettura condivisa di un libro: In queste giornate dove c’è un tempo lungo da riempire, scegliere un romanzo per bambini e ragazzi, leggerlo insieme ad alta voce, magari in modo animato, può far riscoprire a tutti molte cose cui non siamo più abituati: il piacere di leggere, la bellezza delle storie raccontate dai libri, l’emozione che si attiva quando la lettura viene partecipata e ci coinvolge. Leggere in modo “animato” una storia può anche essere un’occasione per mettere in gioco competenze di recitazione, imitazione e in generale per aumentare l’espressività dei nostri figli.

4)    Muoversi nella natura: mettiamo sempre, nell’arco della giornata, un tempo per praticare attività fisica lieve, magari passeggiando nella natura e andando alla scoperta di luoghi che non abbiamo mai esplorato prima. Una camminata nel bosco, ai bordi di un fiume o di un lago (per chi li può raggiungere) o anche più semplicemente una passeggiata nella nostra città, facendo a piedi tutte le cose che normalmente facciamo spostandoci in auto (una visita a un parente, comprare il pane o il quotidiano, etc) ci permette di sentirci fisicamente attivi, in un momento in cui anche le palestre e le attività sportive dei figli sono sospese. La natura inoltre è uno splendido laboratorio di sperimentazioni e scoperte e in questa fine inverno/inizio di primavera può trasformarsi in una vera e propria caccia al tesoro

5)    Una serata cinema di famiglia: non c’è niente di più bello che sedersi tutti insieme sul divano e condividere la visione di un film. Spesso, durante l’anno, è un’esperienza che non ci possiamo permettere, perché la mattina seguente ci si sveglia presto e si va di corsa. Ma in questi giorni, la visione condivisa di un film può rappresentare un modo intelligente e ad alta capacità di intrattenimento per trascorrere la serata in famiglia.

E’ chiaro che in questo momento sentiamo che l’emergenza che stiamo attraversando limita i nostri spazi di azione e di libertà. Tutti vorremmo fare, andare, riprendere in mano la nostra vita. Questo vale anche per i nostri figli. Però, trovare in questa crisi una possibilità per rinsaldare i legami famigliari e per trascorrere del tempo condiviso con i figli, potrebbe rivelarsi, a medio e lungo termine, un’esperienza che darà i suoi frutti.

 

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: