Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Adolescenti apatici e demoralizzati: hanno bisogno di ascolto e sostegno!

di Maura Manca, Psicologa

1 dicembre 2020

979 Views

Li immaginiamo felici e spensierati, eppure non è sempre così: tanti adolescenti si sentono demoralizzati e privi di energie, spaventati dal crescere o dal doversi scontrare con le sfide di ogni giorno.

Troppo spesso si pensa che certe problematiche siano lontane dai ragazzi e non si dà peso a tanti piccoli segnali, reazioni e gesti che potrebbero invece rappresentare un segnale di difficoltà o disagio.

L’adolescenza è di per sé un’età in cui si mettono in discussione le certezze della fase evolutiva precedente e sono tanti i ragazzi che si ritrovano a vivere un momento di crisi che spesso non sanno come affrontare. Magari litigano con gli amici, si lasciano con i fidanzati, hanno difficoltà scolastiche, lasciano lo sport: molte volte di fronte a queste problematiche, possono sembrare apatici, demoralizzati e privi di energie.

Spesso subiscono anche una forte pressione, sociale e social, crescono in un ambiente che enfatizza la perfezione e in cui sembra impossibile poter essere “normali”. Siamo ormai  vittime della “sindrome da primo della classe” e non riusciamo ad insegnare ai più piccoli l’importanza di essere se stessi e la possibilità di commettere anche degli errori: sbagliare è una cosa, essere sbagliati è un’altra e dagli errori della vita si può certamente imparare.

Bisogna educarli inoltre a saper perdere e a gestire la frustrazione del quotidiano, altrimenti vivranno in balìa degli eventi e delle loro emozioni.

Come sostenere i figli senza pressarli?

Di fronte a un figlio poco motivato si rischia di andare facilmente in allarme e, per non vederlo sfiduciato di fronte ad ogni situazione, si tende a spronarlo in tutti i modi possibili. È importante però fare attenzione alle parole che si utilizzano e ai propri comportamenti perché hanno un grande impatto sui figli e, se si esagera, piuttosto che stimolarli, si rischia di schiacciarli ancora di più.

È fondamentale creare un terreno fertile affinché i ragazzi possano sentirsi liberi di aprirsi con i genitori, per capire le motivazioni che possono nascondersi dietro ad un atteggiamento di rifiuto nel fare alcune attività e di apatia generale. È vero che gli adolescenti parlano poco e, se lo fanno, tendono a liquidare la conversazione con risposte del tipo “Non mi va e basta”, ma bisogna andare oltre, rispettando i loro tempi e ascoltando ciò che hanno da dire, senza interruzioni e senza tempestarli di domande. Il più delle volte non sono alla ricerca di soluzioni, ma di una spalla su cui potersi sfogare.

Uno degli errori che si commette spesso, infatti, è quello di allontanare la tristezza dei figli e cercare di risolvergli subito la situazione. Proteggerli troppo e spianargli sempre la strada li porterà a crescere poggiandosi sempre sul genitore, senza sentire di poter contare su di sé e senza sperimentare la propria auto-efficacia, aspetto fondamentale per credere e acquisire sicurezza in se stessi.

Troppe volte ci si concentra su ciò che non va, perdendo di vista le risorse del figlio: se in questo momento si sente demoralizzato, è possibile mettere comunque in luce le sue potenzialità e spronarlo a mettersi in gioco. I momenti di crisi e difficoltà non devono essere vissuti come un ostacolo insormontabile, ma come un’opportunità e uno stimolo di crescita: si può cadere, ci si può far male ma non per questo bisogna arrendersi.

Se si nota col tempo che il proprio figlio è sempre più chiuso in se stesso, fa fatica a mantenere le relazioni e trascura le sue attività quotidiane, è il caso di intervenire facendosi magari aiutare anche da un professionista, prima che il disagio diventi troppo invalidante.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: