Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

La tempesta emotiva degli adolescenti: le neuroscienze ci aiutano a capire cosa “passa” nella loro testa

di Maura Manca, Psicologa

22 novembre 2021

85 Views

Potremmo definire l’adolescenza come un periodo complesso ma, allo stesso tempo, straordinario, caratterizzato da numerosi cambiamenti a livello fisico, relazionale, sociale e cognitivo, in cui si realizza gradualmente il passaggio dall’infanzia all’età adulta.

I genitori si trovano spesso disorientati di fronte agli atteggiamenti e ai comportamenti dei figli che crescono, sentono di non avere più il controllo e temono che la situazione possa sfuggire di mano.

“Non lo riconosco più! Quasi da un giorno all’altro è cambiato, è più schivo, si fa più fatica a comunicare. Per non parlare della difficoltà a gestire le sue emozioni e nella relazione con noi genitori: un minuto prima è felice e il minuto dopo sembra letteralmente depresso, a volte ci abbraccia e ci dice che ci vuole bene e poche ore dopo ci odia totalmente e sembra non volerci vedere mai più! Ma perché fa così? Perché vive di emozioni così contrapposte e totalizzanti?”

 

Figli in preda ad una tempesta emotiva: cosa scatta a livello cerebrale?

Le scoperte in campo neuro-scientifico, certamente, ci aiutano a comprendere meglio cosa accade in adolescenza, in particolare tenendo in considerazione i cambiamenti che avvengono a livello cerebrale.

È come se i ragazzi vivessero in una continua tempesta emotiva, in cui ogni situazione viene percepita e vissuta come assoluta, determinando reazioni emotive istintive, senza che vi possa essere una valutazione razionale (Siegel, 2013). In questa fase di crescita, un ruolo fondamentale è svolto proprio dall’amigdala: i comportamenti dei giovanissimi sono più irrazionali perché dominati da questa porzione del cervello, che svolge delle funzioni importanti in processi quali l’elaborazione delle emozioni e la comparazione dei ricordi. Negli adolescenti, gli stimoli raggiungono direttamente l’amigdala, senza passare per la mediazione della corteccia prefrontale, che non ha ancora raggiunto un pieno sviluppo, e che solitamente opera come una sorta di filtro emotivo (Pan et al., 2009). Essendone “sprovvisti” i ragazzi più facilmente cadono in quella tempesta emotiva in cui si trovano spesso coinvolti anche i genitori. Così le emozioni vengono fuori in tutta la loro potenza: la rabbia è esplosiva, la tristezza diventa disperazione, la gioia diventa euforia. Questo spiega la loro elevata reattività emozionale, l’impulsività, la sottovalutazione dei rischi, la ricerca del piacere a breve termine e la vulnerabilità all’uso di sostanze.

Comprendere a fondo questi meccanismi può sicuramente aiutare gli adulti di riferimento a costruire relazioni più efficaci e a investire sulle loro potenzialità: il loro cervello non è assolutamente “con l’interruttore staccato”, come spesso verrebbe da pensare, ma al contrario è particolarmente recettivo e non dobbiamo perdere questa opportunità!

 

Riferimenti bibliografici:

Pan B.X., Ito W., & Morozov A. (2009). Divergence between thalamic and cortical inputs to lateral amygdala during juvenile–adult transition in mice. Biological psychiatry, 66(10), 964-971.

Siegel D. J. (2013). La mente adolescente. Raffaello Cortina Editore.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: