Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Figli più forti e sicuri di sé: 8 ingredienti che non devono mancare nella crescita

di Maura Manca, Psicologa

2 settembre 2022

428 Views

È vero che quando si parla di crescita dei figli non esiste un manuale in grado di dare la risposta giusta al momento giusto ad un genitore e che non ci sono indicazioni da seguire valide per tutti. Esiste però la conoscenza dei meccanismi psichici e cerebrali dei ragazzi che permette di comprendere i loro pensieri, emozioni e comportamenti. La ricerca scientifica conferma l’importanza di alcuni ingredienti che non possono mancare nella relazione genitore-figlio come il contatto, la vicinanza emotiva, la condivisione perché hanno importanti benefici positivi in termini di benessere, autostima e sicurezza in sé stessi.

 

8 ingredienti per una relazione efficace!

Ci sono alcuni elementi che, secondo la scienza, sono utili per aiutare i figli ad essere più sicuri di sé. In un recente articolo, Wolf (2022) approfondisce le caratteristiche che dovrebbe avere un padre per essere essere più efficaci e costruire una relazione forte e stabile con i propri figli. Questi elementi sono fondamentali per padri e madri e andrebbero applicati fin dall’infanzia:

 

  1. DIALOGO

È importante parlare con i figli e non aver paura di affrontare nessun argomento con loro, anche quelli più scomodi. Nella bilancia è importante mettere un uso ponderato delle parole in funzione dell’età e una modalità di scambio, non di invasione degli spazi o inquisizione: una sana curiosità e reciprocità. Condividere i propri punti di vista e dare ascolto permette, infatti, al figlio di sentirsi visto e supportato e lo abituerà ad aprirsi a sua volta anche su questioni più difficili o delicate da affrontare, senza aver paura del giudizio.

  1. PRESENZA FISICA

Non servono solo le parole, ma anche la vicinanza fisica e la presenza. Il solo fatto di dimostrare la propria presenza (ad esempio, leggendo un libro accanto a loro o guardando un film insieme oppure osservandoli mentre giocano con un videogame) comunica attenzione e disponibilità, facendoli sentire riconosciuti. Per loro è molto importante sapere che il genitore c’è, che è lì. Anche quando apparentemente sembrano non valorizzare la presenza, ne hanno bisogno.

  1. TEMPO

Che si tratti di guardare una serie tv o leggere insieme qualcosa, uscire o fare una gita, trascorrere del tempo esclusivo rafforza il legame e permette di condividere momenti “speciali”, diversi dalla routine quotidiana. Il tempo trascorso con un figlio non è mai perso, è condiviso, è investito, è importante. Fare anche attività social insieme a loro o qualcosa che gli piace particolarmente e che magari è un po’ lontana dai gusti di un genitore. Per loro è molto importante condividere sé stessi e le loro cose ed essere accettati nel loro essere adolescenti.

  1. CONDIVISIONE DI VALORI

Condividere le proprie opinioni, far conoscere i propri valori, chiedere ai figli il loro punto di vista, anche a partire dalla quotidianità, è fondamentale. Diventa l’occasione per porre domande e offrire riflessioni, anche su come gestire ad esempio situazioni difficili che potrebbero trovarsi a dover fronteggiare. Per fare questo è importante ascoltarli senza pregiudizi e capire il loro punto di vista.

  1. ESEMPIO

I figli osservano i nostri comportamenti più di quanto ascoltino le nostre parole! Dare un “buon esempio” significa comportarsi in modo coerente: è più probabile che i figli adottino poi quei valori quando saranno adulti.

  1. ATTENZIONE

Tante volte i genitori si lamentano del fatto che i figli vivono in modalità multitasking e continuano a fare le loro cose mentre si cerca di dialogare con loro, ma è importante anche per gli adulti non fare troppe cose contemporaneamente. Può non essere semplice, ma è un obiettivo importante: anche se i ritmi quotidiani possono essere molto frenetici, è importante concentrarsi solo sui figli nel momento in cui si trascorre del tempo insieme.

  1. OSSERVAZIONE

Può sembrare quasi scontato, ma è importante osservare i figli nella loro quotidianità per riconoscere le loro caratteristiche personali e le loro passioni. Per capire se c’è qualcosa che non va o di cosa necessitano, bisogna conoscere le loro abitudini, il loro modo di comportarsi, di parlare, gli atteggiamenti e solo così si possono percepire le variazioni e quindi capire cosa stanno comunicando anche con il linguaggio del corpo.

  1. QUOTIDIANITÀ

Nonostante gli impegni e le sfide quotidiane, nei limiti di quanto è possibile fare, è importante ritagliarsi del tempo durante la settimana o la giornata da trascorrere insieme. Questo permetterà di aiutare anche i figli a imparare come gestire il loro tempo in modo più efficace e affrontare la vita con il giusto atteggiamento mentale.

 

Il ruolo del genitore è fondamentale nella crescita di un figlio. È importante anche essere in sintonia con i loro bisogni, fornire una solida base per permettere loro di esplorare il mondo con fiducia e autonomia, ascoltare i loro pensieri e offrire una guida quando serve. Essere un buon genitore non significa essere perfetti o non sbagliare mai, ma avere la capacità di mettersi in gioco, crescere insieme ai figli e imparare ogni giorno come diventare genitori più efficaci.

 

Riferimenti bibliografici

Wolf K. (2022). Talk with Her: A Dad’s Essential Guide to Raising Healthy, Confident, and Capable Daughters. Penguin Life Publisher.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: