Neonato prematuro, garantire la migliore assistenza possibile

Bianca è nata prematura a 32 settimane, perchè la mamma aveva la pressione alta, troppo alta. Un problema che si chiama preeclamsia o gestosi gravidica. Oggi Bianca ha 17  anni, occhi azzurri, frequenta il liceo e la sua giornata è piena di impegni e di sogni come tutte le ragazze della sua età. Gioca a pallavolo, le piace cantare e suonare la chitarra. Ha una voce calda, profonda, determinata. Niente

Terapia Intensiva Neonatale e neonato prematuro: ancora ostacoli da superare

In occasione della Giornata Mondiale della Prematurità, ci fa piacere pubblicare il messaggio di Martina Bruscagnin, presidente di Vivere Onlus, il Coordinamento nazionale formato dai genitori dei bambini nati prematuri che si propone di incentivare la qualità della degenza dei neonati pretermine e favorire le condizioni per una ottimale crescita di questi bambini.     "Finalmente, anche in Italia, si stanno definendo i contorni di un momento importante di sensibilizzazione

Parto prematuro, cosa si può fare?

Ogni anno 6-7 bambini ogni 100 nascono prematuri, prima del termine. Questo significa che più di 3000 famiglie si trovano a vivere l’esperienza traumatica di una nascita prematura con tutte le difficoltà che questo comporta. Circa 5-6000 bambini nascono prima della 26esima settimana di gestazione (estremo prematuro). Si può prevenire un parto prematuro? Negli ultimi anni la ricerca si è concentrata sulla possibilità di prevenire almeno una parte di queste

Il neonato prematuro: un bambino piccolo e speciale

Il 17 novembre è la giornata dedicata in tutto il mondo al neonato pretermine, comunemente detto neonato prematuro. Perché oggi è così importante parlare di prematurità, dei problemi e dei bisogni dei neonati che nascono prima del termine della gravidanza e delle loro prospettive di salute a medio e lungo termine?     Le risposte a questo quesito sono almeno 3. SEMPRE PIU' NEONATI PRETEMINE - Ogni anno in Italia nascono

Non solo voti e compiti, oltre alla scuola c’è di più

La scuola riveste un ruolo primario nel rapporto genitore-figlio, correndo anche il rischio di perdere di vista gli aspetti legati alla parte emotiva e di sottrarre tempo al legame con loro. Come comportarsi per non fargli subire la pressione legata al rendimento scolastico?       I compiti, insieme al disordine, sono una delle principali cause di tensione e di conflitto tra genitori e figli, soprattutto in adolescenza. Per i

Quando i figli sono vittime delle guerre tra genitori

“Una separazione, specie se ci sono figli, è sempre fonte di sofferenza profonda, ma non è certo la separazione di per sé a minacciare il bisogno/diritto dei figli alla pace familiare, quanto le modalità di questa separazione e lo stato dei rapporti tra i genitori. Per questo è bene chiedersi non soltanto quali rischi corrano i figli dei genitori separati, ma quali rischi corra ogni bambino e bambina, ogni ragazzo

Adolescenti e cefalea…Quando il mal di testa non è più una scusa per non studiare

Il "mal di testa" è uno dei disturbi maggiormente accusati dagli adolescenti. Lo  dicono i genitori, gli insegnanti e gli adolescenti stessi. E se tra i mal di testa lamentati dai ragazzi ci sarà certamente qualche giustificazione scolastica dell'ultimo momento che con la cefalea ha poco a che fare, la diffusione del fenomeno è comunque significativa. La ricerca Proprio su questo tema la Clinica Pediatrica dell' Università di Pavia, la

Seconda lettera per la Ministra Fedeli. Il mio motto è: più biciclette e meno smartphone

Chiarissima Ministra, oggi i giornali rilanciano la notizia in base alla quale lei ha confermato di voler emanare un regolamento che rende obbligatoria la presenza di un genitore all’uscita dalle scuole medie, così che il ritorno a casa degli studenti avvenga sotto la supervisione e la responsabilità di un adulto. Lei, allo stesso tempo, è la Ministra che ha messo al lavoro una Commissione che dovrà emanare le norme per

Quando lo stomaco è in fiamme…

L’autunno: stagione magica per chi si incanta di fronte alla poesia dei suoi colori, per chi si perde nella dolce malinconia che precede l’inverno… ma stagione “maledetta” per i moltissimi poveri di spirito che vedono in questo periodo soprattutto il puntuale riacutizzarsi di gastrite e bruciori di stomaco. Eppure, per ritrovare pace e serenità può bastare anche solo un po’’ di attenzione in più a tavola…     Ecco: non

Allenatore sportivo, un vero alleato di salute

L’allenatore è un vero alleato di salute. Agli occhi dei giovani, è un adulto che sa infondere fiducia e con il quale è possibile confidarsi tra un allenamento e l’altro. Secondo un’indagine il 36% dei teenager, residenti nel nostro Paese, chiede al proprio allenatore di calcio (o di altri sport) consigli sul benessere.       Ecco allora, che insieme ai medici, genitori e insegnanti può favorire gli stili di