La cefalea nei bambini e negli adolescenti: un problema sottostimato

di Giovanni Corsello, Professore Ordinario di Pediatria La cefalea è la causa più frequente di dolore cronico o ricorrente nei bambini e negli adolescenti e spesso richiede l’intervento del Pediatra o il ricorso al Pronto Soccorso. In genere, il sintomo “mal di testa” viene a lungo sottovalutato dai genitori e dal pediatra di famiglia, per la sua variabilità e per la frequente mancanza di altri segni che evocano una malattia organica.

Ragazzi stanchi e sotto pressione: come sopravvivere all’ultimo mese di scuola?

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta Giunti quasi al termine dell'anno scolastico, aumentano stress e tensioni sperimentate dai ragazzi nel tentativo di gestire al meglio lo sprint finale. Tra voti da recuperare, paura di prendere debiti e rischio di bocciature, le ultime verifiche e interrogazioni diventano la preoccupazione principale per ragazzi e genitori.     Oggi anno ragazzi e genitori si trovano ad affrontare l’immancabile sprint finale. L’ultimo mese di

È importante dire ai figli quando si è orgogliosi di loro  

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta Si tende spesso ad riprendere i figli per ciò che non va bene nei loro atteggiamenti e comportamenti dimenticandosi dell’importanza che ha sentirsi dire “sono orgoglioso di te”. A volte non riflettiamo sul peso educativo di specifiche parole e su quanto possano andare ad alimentare la loro autostima.     “Ma è possibile secondo te che non facciano altro che riprendermi e dirmi dove

“O’ sole mio…”. Adolescenti e sole. Quanto ne sanno?

di Maurizio Tucci, giornalista Con l’avvicinarsi dell’estate si ricomincia, come ogni anno, a parlare di “sole”. Rischi e benefici dell’esposizione al sole e, soprattutto, centinaia di consigli che troviamo da tutte le parti. E allora, che senso ha un ulteriore articolo che parla di sole? Ce l’ha – a nostro avviso – se cerca di affrontare l’argomento più sotto l’aspetto del “metodo” che del “che fare” contingente.   In un

La paura di sgridare i figli per timore che abbiamo reazioni esagerate

I ragazzi di oggi sembrano sempre più fragili, non in grado di tollerare le frustrazioni, i no e le punizioni. Reazioni esagerate davanti ai paletti dei genitori, a volte impulsive, di rabbia contro padri e madri, altre verso se stessi fino a farsi male da soli. Come si deve comportare un genitore in questi casi?       La cronaca riporta sempre più spesso di ragazzi che hanno delle reazioni
Adolescenti

Perché tanto adolescenti scattano come molle e non sanno gestire le proprie emozioni?

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta Capita spesso che gli adolescenti agiscano in base all’impulso del momento senza un minimo di capacità riflessiva, soprattutto, in merito alle conseguenze delle proprie azioni. Si tratta solitamente di un percorso che parte da molto lontano, influenzato anche dall’ambiente in cui si vive e dall’educazione ricevuta.     I genitori devono pilotare la nave dei figli, poi devono insegnargli come si guida ed infine,
obesità

L’obesità nel bambino e nell’adolescente: Quali sono i fattori di rischio?

di Giovanni Corsello, Violetta Di Pietrantonio, Clinica Pediatrica, Università di Palermo In più occasioni, negli ultimi anni, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha manifestato con forza il proprio impegno nella lotta alle malattie non comunicabili (NCD), identificando nell’obesità uno tra i fattori di rischio più allarmanti per lo sviluppo delle patologie croniche come diabete e malattie cardiovascolari. Il costante incremento della prevalenza dell’obesità in età evolutiva rappresenta, oggi, una vera e
Smartphone

Uno smartphone come regalo della prima comunione? Ma anche no!

di Alberto Pellai, psicoterapeuta Il regalo più frequentemente fatto ai bambini di terza, quarta e quinta elementare che fanno la Prima Comunione è il cellulare. Loro lo chiedono. Del resto, come loro stessi dicono, quasi tutti i loro compagni lo possiedono già o lo riceveranno nella medesima occasione. E noi genitori, di fronte a queste loro affermazioni, spesso rimaniamo spiazzati. Da una parte ci dispiace pensare che i nostri figli potrebbero
alcool

I nostri figli e l’alcool: come genitori abbiamo molto da fare

di Alberto Pellai, psicoterapeuta Potremmo chiamarla epidemia: perché la diffusione dei comportamenti alcol correlati in età evolutiva ha subito un’impennata e una crescita di proporzioni davvero esponenziali negli ultimi due decenni, tanto da trasformarsi in vera e propria emergenza educativa. Le statistiche I National Institutes of Health statunitensi – una tra le massime autorità mondiali in tema di salute e benessere - definiscono “abuso” qualsiasi tipologia di consumo alcolico da
autolesionismo

Figli che si fanno male. L’autolesionismo in adolescenza, un problema nascosto

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta L’autolesionismo rappresenta un fenomeno di indubbia rilevanza clinica e sociale, soprattutto per la sua gravità e considerevole diffusione nella popolazione adolescenziale, già a partire dagli 11-12 anni di età. Tali condotte autolesive sono l’espressione di un profondo stato di malessere e di disagio interiore che il ragazzo scarica sul proprio corpo attraverso attacchi intenzionali e ripetitivi troppo spesso non riconosciuti. Autolesionismo: cos'è e quando