Neonati “late preterm”. I rischi di nascere prima

Una volta li chiamavamo “neonati prematuri” o immaturi. Oggi sappiamo che i nati late preterm, ovvero i neonati pretermine (nati solo qualche settimana prima del termine di gravidanza), se non opportunamente seguiti, hanno un maggior rischio di sviluppare patologie respiratorie, deficit neuromotorio e di far fatica a scuola.     Una volta li chiamavamo in modo generico “neonati prematuri” o “immaturi”. Oggi, invece i neonati vengono identificati con diverse terminologie

Vaccinazioni e neonato pretermine, un’opportunità per superare la fragilità

Il sistema immunitario di tutti i bambini appena nati è “fragile” e ha una minore capacità di difesa contro le infezioni e i patogeni. Il neonato prematuro, nato prima delle 37 settimane di età gestazionale, è ancora più fragile. Ecco perché la vaccinazione rappresenta un importante strumento di prevenzione soprattutto contro quei patogeni che possono mettere a rischio la salute o addirittura la vita del bambino. Definizione di neonato pretermine

L’età giusta per avere il cellulare

Una delle domande che mi vengono fatte più spesso dai genitori nel corso delle mie conferenze è: “Qual è l’età giusta per dare il cellulare in mano ad un figlio?”. Sarebbe bello avere una risposta giusta per questa domanda. Sarebbe bello se una società scientifica si fosse sbilanciata in questo senso dicendoci: “Ecco l’età giusta, in cui il cellulare in mano a tuo figlio non è più un problema”.  

Vaccinazioni pediatriche: quante, quali e contro quali malattie?

La vaccinazione è un intervento importante che protegge il bambino e la comunità  da alcune malattie gravi e a volte persino mortali! Scopriamo insieme quali armi abbiamo a disposizione per proteggere i nostri bambini, in base anche al Piano Nazionale Prevenzione Vaccini 2017-2019(PNPV).   Malattie e vaccini Tetano Il tetano è una malattia grave che si presenta con violenti spasmi muscolari e che può essere anche mortale. È causata dal

Chiamiamole… emozioni, anche nei bambini

Rabbia, tristezza, paura, gioia… le emozioni sono infinite e fanno parte del nostro DNA di esseri umani. La grande sfida è imparare a riconoscerle per saperle gestire fin da piccoli. Mentre i sentimenti presuppongono una consapevolezza e una conoscenza di se stessi e dell’altro, le emozioni sono esplosioni - brevi, inconsapevoli e di diversa intensità – che il bambino deve imparare controllare con il supporto di genitori emotivamente competenti. Le

Transizione (o passaggio di cura) dal pediatra al medico dell’adulto, un problema da risolvere

Spina bifida, distrofia muscolare, fibrosi cistica, diabete...oggi l’aspettativa di vita è diventata per i pazienti affetti ben più di una speranza. Grazie al progresso scientifico e assistenziale, molti di questi bambini diventano donne e uomini, con bisogni e sogni simili a tutti. Ma chi è il medico di riferimento di questi giovani pazienti cronici, che considerati nel loro insieme sono tutt’altro che rari?   LE DIMENSIONI DELLE CRONICITA' GIOVANILE- Contrariamente

Obesità infantile in diminuzione ma senza abbassare la guardia

Un bambino obeso perde autostima e si chiude in se stesso. Secondo il Ministero della Salute, l’obesità infantile è diminuita del 13%, cambiare stile di vita è fondamentale. Indagine nazionale Da un’indagine, su oltre 48.400 genitori e 48.900 bambini coinvolti in oltre 2600 classi di tutto il territorio nazionale, condotta nel 2016 da OKkio alla Salute e presentata il 4 maggio 2017 al Ministero della Salute, emerge che: “Il 21,3%

Asma, troppi i casi non trattati. Bambini a rischio

Asma, ne soffre un bambino su 10. L'impatto dell'asma sulla qualità di vita è significativo, eppure molti (troppi) pazienti non aderiscono ai protocolli di trattamento in modo adeguato. Per quali motivi i pazienti "sfuggono" ai trattamenti? Perché è importante trattare l'asma?       L’asma è la malattia cronica più diffusa nel mondo, molto frequente anche nei bambini. Dopo un progressivo aumento della sua prevalenza osservato tra il 1980 e il

10 buoni consigli per la cura del seno della donna che desidera allattare

Sei in gravidanza o hai appena partorito e vuoi allattare? Non farti spaventare da paure infondate. Qui puoi trovare 10 semplici consigli per vivere al meglio l'esperienza dell'allattamento al seno.         Conoscere il proprio corpo ed accettare le naturali modificazioni che avvengono durante la gravidanza, il parto e nei giorni a seguire. Credere che si possa nutrire naturalmente il proprio bimbo. Scegliere di allattare al seno. Non

La toxoplasmosi congenita

Se stai pensando di avere un bambino, uno dei esami principali a cui una donna si deve sottoporre è il toxo-test, indipendentemente che tu abbia o non abbia mai avuto un gatto! Attraverso un semplice prelievo di sangue, il toxo-test consente di verificare lo stato immunizzazione (e quindi la presenza o meno di anticorpi) nei confronti di Toxoplasma gondii, il microrganismo responsabile della toxoplasmosi.     L’infezione da toxoplasma benché