Tumore benigno e tumore maligno, che differenza c’è?

di Francesco Cognetti, oncologo Cosa significa tumore benigno? Che differenza c’è tra tumore benigno e tumore maligno? Un tumore benigno può diventare maligno?       Le cellule dei tumori benigni si sviluppano lentamente e non hanno la capacità di diffondersi ad altre parti dell’organismo, anche se possono creare problemi alla salute. Se, infatti, continuano a crescere, esercitano pressione contro gli organi sani limitrofi. Per esempio lo sviluppo di un

Ma lavati le mani! Come difendersi da virus e batteri

di Costantino De Giacomo, pediatra È difficile da credere, ma è così: lavarsi le mani è la strategia di igiene personale più efficace nella prevenzione delle malattie infettive. Sicuro che sia così banale lavarsi le mani?       Non basta mettere le mani sotto il getto dell’acqua e sciacquarle rapidamente dopo avere messo un po’ di sapone o detergente per difenderci dalle malattie infettive. Il lavaggio delle mani è

Come radersi la barba senza rischi. La pelle dell’uomo ha bisogno di cure

di Maria Michela Lavieri, dermatologa Farsi la barba tutti i giorni e per tutta la vita rende la pelle dell'uomo molto sensibile e a rischio di lesioni. Ecco come radersi la barba senza rischi.       A 14-16 anni i ragazzi iniziano a “farsi la prima barba”, spesso più per gioco e per sentirsi grandi, che per una vera e propria necessità. E con questo spirito di “leggerezza” si

Sesso e cancro, ecco alcuni consigli per non perdere l’intimità

di Francesco Cognetti, oncologo Una diagnosi di tumore può mettere a "rischio" l'intimità della coppia. Facciamo un po’ di chiarezza su alcuni aspetti delicati che possono riguardare i pazienti oncologici, con alcuni consigli su sesso e cancro, per non perdere l'intimità di coppia. L’attività sessuale non aggrava la malattia Fare sesso non è vietato a un paziente oncologico. Anzi, il contatto intimo, il piacere e i sentimenti di amore e

AIDS: prevenzione, informazione e ricerca

AIDS: prevenzione, informazione e ricerca. Azioni per combattere l’infezione, sempre valide anche il 1 dicembre del 2017 per la Giornata Mondiale contro l’AIDS, promossa nel 1988 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Dall’inizio dell’epidemia nel 1982 Dall'inizio dell'epidemia ad oggi, sono stati segnalati al Centro Operativo Aids (COA) quasi 69.000 casi, di cui poco più di 44.000 deceduti fino al 2014. Si osserva un lieve decremento del numero annuo delle nuove diagnosi

10 dicembre: 69^ Giornata Mondiale dei diritti dell’Uomo. Diritti lontani, anche per la salute

10 dicembre: 69^ Giornata Mondiale dei diritti dell’Uomo. Diritti ancora troppo lontani per l’uomo e per la sua anche per la sua salute. Viviamo il dramma delle guerre e quello dei profughi, popolazioni in fuga a causa della guerra e della fame. Le donne muoiono per mano degli uomini che hanno amato e i bambini vengono schiavizzati e stuprati. La prevenzione non è facile come dovrebbe e il divario sanitario

Diventare papà. Il lavoro: a volte un alibi, a volte un ostacolo per vivere appieno la relazione con un figlio

di Alberto Pellai, psicoterapeuta Il mondo è pieno di uomini che hanno costruito la loro identità intorno alla professione di cui sono protagonisti. Succede di frequente che quando un uomo si presenta ad uno sconosciuto dica di sé, oltre al nome e al cognome, la professione. Per le donne è differente: spesso la presentazione di sé ad uno sconosciuto implica la descrizione dettagliata di elementi che connotano la propria vita

Alimentazione per il cuore, i consigli del cardiologo

Fino all'85% delle malattie cardiovascolari possono essere evitate adottando uno stile di vita sano e quindi niente fumo, poco alcol, attività fisica regolare e dieta corretta.  Abbiamo chiesto a Roberto Ferrari, Direttore Cardiologia e Dipartimento di Scienze Mediche dell’Università di Ferrara quali alimenti preferire e quali invece eliminare o consumare con moderazione per seguire un'alimentazione amica della salute del cuore. Prof. Ferrari che tipo di regime alimentare deve seguire chi soffre di

Neonato prematuro, garantire la migliore assistenza possibile

di Tiziana Azzani, giornalista Bianca è nata prematura a 32 settimane, perchè la mamma aveva la pressione alta, troppo alta. Un problema che si chiama preeclamsia o gestosi gravidica. Oggi Bianca ha 17  anni, occhi azzurri, frequenta il liceo e la sua giornata è piena di impegni e di sogni come tutte le ragazze della sua età. Gioca a pallavolo, le piace cantare e suonare la chitarra. Ha una voce

Terapia Intensiva Neonatale e neonato prematuro: ancora ostacoli da superare

In occasione della Giornata Mondiale della Prematurità, ci fa piacere pubblicare il messaggio di Martina Bruscagnin, presidente di Vivere Onlus, il Coordinamento nazionale formato dai genitori dei bambini nati prematuri che si propone di incentivare la qualità della degenza dei neonati pretermine e favorire le condizioni per una ottimale crescita di questi bambini.     "Finalmente, anche in Italia, si stanno definendo i contorni di un momento importante di sensibilizzazione