Come godere a pieno le vacanze di Natale con i figli, tra compiti e tempo libero?

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta Le vacanze di Natale spesso si trasformano in momento di stress, i figli spesso invertono il giorno con la notte, non hanno voglia di fare i compiti, non aiutano in casa e vorrebbero sempre uscire e stare con gli amici. Come fare a mettere delle regole?     Stanno per arrivare le tanto attese vacanze di Natale, bambini e ragazzi non andranno a scuola

Gli adolescenti attenti all’ambiente

Di Maurizio Tucci, giornalista I giovani di oggi, tra i 12 e 14 anni, sono sempre più attenti e informati sui temi ambientali: il 68,5% di loro è interessato alle problematiche ambientali che conoscono grazie alla scuola, alla televisione, ai genitori, ad Internet, alle Associazioni che si occupano di ambiente. E la maggior parte di loro sarebbe disponibile ad utilizzare parte del proprio tempo libero per dedicarsi alla salvaguardia dell’ambiente.

Quattrocchi o faccia di ferro? Il segreto è scoprirsi unici e irripetibili

Quattrocchi o faccia di ferro, il segreto è scoprirsi unici e irripetibili. Un paio di occhiali, o un apparecchio correttivo per i denti, non devono essere causa di disagio e insicurezza negli adolescenti, che preferiscono strizzare gli occhi per mettere a fuoco o avere i denti sporgenti piuttosto che correggerli. Ricordate Ugly Betty? Bruttina e insignificante, scelta a lavorare nella moda proprio per non far cadere in tentazione il suo

Attraversare sulle strisce… Non basta!

di Maurizio Tucci, giornalista Se il numero complessivo delle vittime della strada negli ultimi anni è tendenzialmente diminuito (fonte Osservatorio ASAPS - Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale) non si registra un analogo trend tra i pedoni (soprattutto bambini ed adolescenti), molti dei quali investiti nell’atto di attraversare la strada. Sempre secondo i dati dell’Osservatorio ASAPS, nel 2016 si è registrato un incremento del 26% (rispetto al 2015) di

Diabete e giovani: l’incredibile accade

Dal 1975 opera a Milano l’Associazione per l’Aiuto Ai Giovani Diabetici (AAGD Lombardia), prima onlus ad autocostituirsi per affiancare e aiutare i ragazzi e i bambini con diabete e le loro famiglie.         Sul sito di riferimento si autodefinisce “una grande famiglia allargata dove trovare sempre un sostegno, un conforto, dove incontrarsi ed essere meno angosciati”. Sì, perché “l’esordio di una malattia diabetica – ci spiega la

Seconda lettera per la Ministra Fedeli. Il mio motto è: più biciclette e meno smartphone

di Alberto Pellai, psicoterapeuta Chiarissima Ministra, oggi i giornali rilanciano la notizia in base alla quale lei ha confermato di voler emanare un regolamento che rende obbligatoria la presenza di un genitore all’uscita dalle scuole medie, così che il ritorno a casa degli studenti avvenga sotto la supervisione e la responsabilità di un adulto. Lei, allo stesso tempo, è la Ministra che ha messo al lavoro una Commissione che dovrà

Comunicare con gli adolescenti: una sfida non impossibile

di Maurizio Tucci, giornalista Gli adolescenti ci appaiono sempre più come appartenenti ad una sorta di comunità chiusa che vive in un mondo tutto suo. Quasi una “enclave”, refrattaria ad entrare in contatto e comunicare con gli “abitanti” del territorio che la circonda. E quegli abitanti siamo noi.       Se è vero, oltre che estremamente suggestivo, quanto diceva Roberto Burgio – riferimento indiscusso della pediatria italiana – “l’adolescente

Quali sono i fattori che influenzano maggiormente la crescita di un figlio?

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta I problemi dei figli dipendono dall’interazione di più fattori e il peso più rilevante lo rivestono quelli familiari, ambientali e scolastici.       Davanti a disagi o a comportamenti devianti di bambini o di adolescenti, ci si interroga in genere su quale possa essere la “causa” scatenante. La risposta è molto semplice, quando si parla di problemi emotivi, di disagi o di devianza, la

Ma davvero commetto un reato se mio figlio preadolescente torna a casa da scuola non accompagnato?

di Alberto Pellai, psicoterapeuta Una recente sentenza della Corte di Cassazione stabilisce che all’uscita della scuola media i figli possono oltrepassare il cancello per andare a casa solo se c’è un adulto responsabile che si fa carico del loro riaccompagnamento. Ovvero: hai 14 anni, magari sei alto 1 metro e settanta, forse hai già baciato una ragazza, quasi certamente da almeno tre anni possiedi uno smartphone, probabilmente hai già navigato

Primo giorno di scuola: l’inizio di un’avventura

di Maurizio Tucci, giornalista Ci sono tanti “primi giorni di scuola” nella vita di ciascuno, ma il primo giorno delle scuole medie e il primo giorno delle scuole superiori hanno una rilevanza particolare, perché interessano un’età molto delicata, quale è l’adolescenza.       Ci sono tante “prime volte” o “primi giorni” nella vita di ciascuno e, naturalmente, la maggior parte di queste prime esperienze sono concentrate nell’infanzia e nell’adolescenza