Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Le “frontiere” della prevenzione

di Simona Mazzolini, Giornalista

19 maggio 2021

1057 Views

Si riaprono le frontiere; non soltanto quelle “fisiche” (molte non sono mai state chiuse neanche durante i momenti peggiori della pandemia), ma quelle “mentali”. Il decorso del Covid-19, che sembra si stia finalmente indirizzando verso un tasso di incidenza compatibile con il ritorno alla vita normale, induce a riprendere un filo bruscamente interrotto oltre un anno fa. E con quel filo si iniziano a ricucire innanzi tutto gli “strappi” più evidenti tra i quali – specie per i giovani – c’è stata l’impossibilità di viaggiare. Dai college estivi all’anno di studio all’estero, anche grazie alle borse di studio messe a disposizione da Intercultura, fino all’Erasmus, diventato una sorta di virtuoso rito di iniziazione per i nuovi cittadini europei.

E naturalmente viaggiare non solo per studio: come il tradizionale viaggio post maturità e il “mitico” InterRail che accomuna tante generazioni di giovani. Un viaggiare che è comunque – indipendentemente dall’obiettivo primario – arricchimento culturale e mentale.

Quest’anno, si crede e si spera, potrà essere l’anno del “ricominciamo”, ma sarà certamente un ricominciamo che si innesta su una esperienza – quella del Covid – che non sarà archiviabile come se nulla fosse accaduto.

I temi della salute e della prevenzione, ai quali tradizionalmente i giovani non dedicano grande spazio mentale, tantomeno se “distratti” da esperienze nuove e accattivanti, quest’anno saranno inevitabilmente presenti anche quando non saranno esplicitamente evocati.  I dati – ancora provvisori – dell’indagine annuale sugli stili di vita degli adolescenti realizzata da Laboratorio adolescenza e Istituto di ricerca IARD, evidenziano come l’attenzione dei giovanissimi verso la salute e la sicurezza sanitaria è nettamente aumentata rispetto al passato. Un passato vicinissimo temporalmente (confronto con i dati del 2019), ma distante anni luce per la cesura creata dalla pandemia.

Seppure quella anti-Covid per ora non li stia riguardando direttamente, l’attenzione rivolta al concetto stesso di “vaccinazione” – quint’essenza della prevenzione – appare oggi fortissima. Se fino ad “ieri” la vaccinazione era relegata ad appannati ricordi dell’infanzia o – per quanto concerne la vaccinazione adolescenziale contro l’HPV – fatta con scarsa consapevolezza e ancora più scarso interesse, nei recenti gruppi di ascolto attivati da Laboratorio Adolescenza le domande sulle vaccinazioni sono moltissime e incalzanti. Vogliono, le ragazze e i ragazzi post-Covid, sapere e capire. E per la prima volta dimostrano di fare proprio il concetto di prevenzione; come è stata ed è prevenzione, contro il Covid, la mascherina o il lavarsi le mani.

L’obiettivo strategico è “sfruttare” il momento e sensibilizzare le nuove generazioni – attraverso una comunicazione adeguata – sul fatto che il Covid è stato un episodio (speriamo transitorio), ma la prevenzione e l’importanza di una piena consapevolezza circa il proprio stato di salute deve rimanere una costante.

L’esperienza drammatica della pandemia da un lato e il desiderio di ricominciare a viaggiare (in sicurezza) dall’altro può essere la combinazione giusta per avviare un percorso di sensibilizzazione degli adolescenti.

La scuola può essere lo scenario migliore per avviare questo progetto e Family Health mette a disposizione la sua esperienza e le sue competenze per creare uno strumento che possa risultare efficace per consentire ai giovanissimi di affrontare un viaggio con la tranquillità di avere a disposizione, in ogni momento ed in ogni circostanza, tutte le informazioni utili riguardo il proprio stato di salute.

Perché la prevenzione passa innanzi tutto dalla conoscenza.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: