Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

La dieta contro l’insonnia

16 marzo 2017

583 Views

di Sofia Bronzato, Nutrizionista

Passiamo un terzo della nostra vita dormendo. Il sonno è essenziale per il mantenimento delle funzioni fisiche, mentali ed emozionali. I disturbi del sonno alterano la capacità di pensare rapidamente, di lavorare in modo efficiente, e di vivere serenamente. In alcuni casi gravi, questi problemi possono portare a gravi forme di nevrastenia e di depressione.Tra i disturbi del sonno l’insonnia è forse il più frequente, con una prevalenza dal 10% al 40% nei Paesi occidentali. L’obesità è uno dei più importanti fattori di rischio per un’alterazione del normale riposo e a sua volta un sonno alterato favorisce l’accumulo di peso.

Qual è quindi il meccanismo che lega sonno e alimentazione?

Da recenti studi è emerso che molti dei sintomi legati al sonno sarebbero associati alla carenza o all’eccessivo consumo di determinate sostanze assunte con la dieta.

Vediamo qui di seguito gli alimenti che non dovrebbero mai mancare per favorire il buon riposo e quali invece limitare.

  1. CEREALI INTEGRALI

E’ da sfatare il mito che i carboidrati assunti col pasto serale siano nemici della salute. E’ dimostrato infatti che un pasto a base di cereali, ricca fonte di carboidrati, favorisca il buon riposo. Attenzione però all’indice glicemico, ossia al potere degli alimenti di alzare più o meno rapidamente i livelli di zucchero nel sangue. Preferite i cereali naturalmente integrali che oltre ad aiutarvi ad assumere i 30g di fibra raccomandata giornalmente, evitano gli sbalzi glicemici e riducono la sintesi di grassi in eccesso.I cereali integrali, specialmente l’avena e il riso integrale, hanno un buon contenuto di triptofano, un aminoacido precursore della serotonina, l’ormone del benessere e del buon umore, oltre che del buon riposo.

Il consiglio in più. Cercate di completare un pasto a base di cereali con un sugo che comprenda proteine facilmente digeribili come un sugo di pesce o di legumi decorticati. Otterrete un piatto unico e non vi priverete di alcun nutriente necessario per il benessere dell’organismo.

  1. SELENIO

Un ridotto apporto di selenio è stato associato ad una maggiore difficoltà ad addormentarsi. Il selenio è un micronutriente essenziale che svolge un ruolo importante nel promuovere e migliorare l’immunità, è cruciale nell’immunoregolazione, che serve per prevenire reazioni eccessive che potrebbero portare a infiammazione cronica, protegge il sistema cardiovascolare, inibisce la crescita cellulare e viene spesso indicato come agente anti-cancro.

La dose raccomandata è di circa 45-50 ug/die.

Buone fonti di selenio sono il germe di grano, il tonno, il grano kamut e i cereali integrali, i semi di girasole, le alici, il merluzzo, i funghi, il sedano e il pomodoro maturo.

Il consiglio in più. Attenzione alla tossicità legata a un’assunzione eccessiva di questo minerale. Per tale motivo non è consigliata, se non sotto indicazione del vostro medico, un’integrazione di tale minerale oltre il fabbisogno coperto dalla dieta.

  1. VITAMINA C

Un carente apporto di vitamina C dalla dieta è risultato essere associato a un sonno non ristoratore. La vitamina C, o acido ascorbico,  che si trova in alte concentrazioni in frutta e verdura, è un antiossidante, in grado di proteggere contro lo sviluppo di malattie cardiovascolari e il cancro.

La dose raccomandata è di circa  60mg/die per le donne e di 75 mg/die per gli uomini. Questa dose cresce a 70 mg/die nella gestante e a 90 mg/die durante l’allattameno.

Il consiglio in più. La vitamina C è nascosta in molti più alimenti di quelli che pensiamo. Nel mondo vegetale gli alimenti più ricchi di questa vitamina sono ad esempio il ribes (200mg/100g), il peperone rosso (166mg/100g), il prezzemolo (162mg/100g), la rucola (110mg/100g). Cerchiamo di abbinare questi alimenti a cibi ricchi di ferro. In questo modo sfrutteremo il potere ossidante della vitamina C per rendere il ferro del mondo vegetale circa il 30% più facilmente assimilabile dalle cellule intestinali.

  1. MAGNESIO

Per combattere l’insonnia è indispensabile l’assunzione di magnesio: lo si può trovare ad esempio nei semi, nella frutta secca, nel pesce, nella verdura a foglia larga in genere.

La dose raccomandata per l’adulto è di circa 170 mg/die.

  1. ACIDI GRASSI MONO E POLIINSATURI

Diversi studi recenti hanno studiato l’associazione tra il sonno e il tipo di acidi grassi assunti con la dieta. L’assunzione di grassi prevalentemente insaturi e poliinsaturi sembra essere importante per una maggiore durata del sonno.

Gli acidi grassi monoinsaturi e poliinsaturi sono contenuti principalmente nel salmone, nel pesce azzurro (sgombro, sardine), nei semi di lino, di girasole, nella frutta secca (noci, mandorle), nell’olio extravergine di oliva.

I grassi assunti con la dieta non dovrebbero superare il 20-30% di tutte le energie assunte nella giornata. Tra questi meno del 10% di tutte le energie dovrebbero essere assunte da grassi saturi e la restante parte dovrebbe essere suddivisa tra grassi mono e poliinsaturi.

Il consiglio in più. Utilizzate i grassi ‘buoni’ per tamponare l’assorbimento zucchero presente negli alimenti e per favorire l’assorbimento delle vitamine liposolubili quali la vitamina A, D, E e K. Non privatevi quindi anche in un regime dietetico di una piccola quantità di lipidi che sono indispensabili per il corretto metabolismo degli altri macronutrienti e tra le tante proprietà sono fondamentali per la salute della pelle, dell’osso, del sistema endocrino, della coagulazione.

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: