Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Come faccio bere un bambino che vomita?

14 giugno 2017

7498 Views

Quando il bambino vomita è importante riuscire a farlo bere per evitare che vada incontro a disidratazione e a carenza di sali minerali.

Ma come faccio a farlo bere?

 

 

 

La dottoressa Elena Bozzola, nella sua video-pillola, ci spiega cosa fare e cosa è meglio non fare se il bambino soffre di mal d’orecchio.


Il vomito è provocato da una contrazione della muscolatura gastrica ed addominale con l’emissione forzata del contenuto dello stomaco.
Il vomito non è una malattia, ma può esserne un sintomo, perciò va interpretato e indagato come indicato in seguito.

Se il bambino presenta solo  uno o due episodi di vomito nell’arco di una giornata, ed è la situazione più frequente, si tratta di un episodio isolato e di scarsa importanza: si può attendere ventiquattro ore per valutare l’evoluzione clinica.
Se il vomito si arresta spontaneamente e il bambino riprende ad alimentarsi con regolarità, si può riprendere il ritmo normale di vita e non dare importanza alla cosa.
Se il vomito avviene dopo aver mangiato in abbondanza, troppo velocemente o i genitori lo hanno forzato perché mangiasse, è provocato proprio dallo stomaco, che vuole espellere il cibo giunto in quantità eccessiva o “non gradita”
Se c’è anche diarrea, quasi certamente il vomito è un sintomo provocato da un’infezione intestinale: anche in questo caso, niente paura, né assumere farmaci .

È importante sapere le cose da fare e, per evitare errori, quelle da non fare.

Che cosa fare:

  • Tranquillizzare e rassicurare il bambino
  • Dargli da bere, ma solo se lo chiede: per evitare che vomiti tutto il liquido, sarà bene che beva un po’ alla volta, a sorsi piccoli, ma frequenti
  • Anche i cibi deve assumerli, ma solo se li vuole.

Che cosa non fare:

  • Dare farmaci contro il vomito di propria iniziativa
  • Dare farmaci contro l’acetone, perché sono inutili
  • Forzare il bambino a mangiare, quando non vuole.

È necessario contattare il pediatra se:
– il bambino vomita più volte nelle 24 ore e soprattutto non sembra trattenere alcun cibo in ventiquattro ore
– il vomito contiene sangue
– c’è febbre superiore a 38,5°C
– il bambino tende a star fermo, perché se si muove dice che avverte dolore (potrebbe trattarsi di una malattia chirurgica, per esempio l’appendicite).

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: