Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Come affrontare con i figli lo stress da rientro? I consigli per ripartire con il piede giusto

17 gennaio 2018

1412 Views

di Maura Manca, psicologa e psicoterapeuta

Dopo un periodo di vacanza, uno stacco dalla routine quotidiana e dagli orari del lavoro e della scuola, la sola idea di ripartire a pieno ritmo può essere una fonte di grande stress. Spesso si sperimenta un’ansia anticipatoria, si pensa “in anticipo” al giorno del rientro, a tutti gli impegni che stanno per ricominciare, al fatto che non si ha voglia di rincastrarsi in corse e orari e, di conseguenza, diventa tutto ancora più pesante di quanto realmente lo sia.

Come si manifesta l’ansia da rientro?

Anche per i bambini e i ragazzi riprendere il ritmo non è facile, hanno vissuto per alcune settimane senza gli orari scolastici e la sveglia all’alba, senza l’ansia delle interrogazioni, dei compiti e delle discussioni continue sulla scuola e hanno paura di non avere più tanto tempo libero a disposizione. Ci sono situazioni in cui c’è addirittura quasi un rifiuto, si possono manifestare tutta una serie di campanelli d’allarme come stanchezza eccessiva, nervosismo, irritabilità, sonno disturbato, nausea, spostamento delle tensioni sul cibo, dalle abbuffate alla mancanza di appetito. Sono segnali molto chiari che bisogna ascoltare, prima di tutto cercando di capire se c’è qualche condizione di cui un padre o una madre non sono a conoscenza che li rende così appesantiti emotivamente, come per esempio il bullismo o problemi con i compagni o con gli insegnanti poi, aiutando bambini e ragazzi a non dare un peso eccessivo al rientro, perché se si comincia con un approccio sbagliato si rischia di ripartire già scarichi e privi di energie.

Come aiutare i figli ad affrontare il rientro senza stress?

GRADUALITA’. Cercare di aiutarli ad utilizzare gli ultimi giorni di vacanza per riprogrammare la loro routine e riprendere con calma e serenità un ritmo regolare, dando contenimento ad eventuali paure e preoccupazioni. Riabituarsi agli impegni quotidiani richiede tempo, per questo è importante non strafare e non passare dal nulla al tutto.

EQUILIBRIO. Durante le feste natalizie sono state modificate anche le abitudini alimentari e quelle legate al sonno. È fondamentale, dunque recuperare orari regolari anche per i pasti e riabituare il corpo ad una corretta alimentazione, ad esempio mangiando cibi più leggeri, evitando però diete e restrizioni alimentari drastiche e non salutari, riprendendo anche l’attività sportiva e soprattutto a riprendere degli orari di sonno più regolari. Ristabilire un equilibrio anche per quanto riguarda il ritmo sonno-veglia è fondamentale per evitare le condizioni di stress psico-fisico.

PRIORITA’. Non riempirli immediatamente di attività, perché non tutte le cose che bisogna fare sono urgenti. Piuttosto aiutarli a darsi degli obiettivi per ristabilire la routine, senza sentirsi sommersi e schiacciati. Riprendere gradualmente possesso dei propri impegni aiuta a diminuire lo stress e il senso di angoscia legato al ricominciare tutto insieme.

POSITIVITA’. Cercare di spiegare ai figli che le vacanze hanno rappresentato un periodo in cui hanno avuto la possibilità di recuperare le energie, aiutandoli a vedere anche gli aspetti positivi del rientro; è vero che la scuola è spesso faticosa, ma é anche fonte di gratificazione e crescita, oltre che il luogo in cui rivedere i compagni di classe e divertirsi. Se fosse sempre festa, anche le vacanze diventerebbero routine.

È importante che anche i genitori affrontino il rientro con serenità e non si mostrino eccessivamente ansiosi e angosciati. I figli, attraverso l’esempio degli adulti, possono imparare che si può “sopravvivere” a tutto questo e ripartire con il piede giusto!

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: