Per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito usa cookie anche di terze parti.
Chi sceglie di proseguire nella navigazione su magazine.familyhealth.it oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy .

Ho capito, chiudi il banner.

X

Come radersi la barba senza rischi. La pelle dell’uomo ha bisogno di cure

20 dicembre 2017

586 Views

di Maria Michela Lavieri, dermatologa

Farsi la barba tutti i giorni e per tutta la vita rende la pelle dell’uomo molto sensibile e a rischio di lesioni. Ecco come radersi la barba senza rischi.

 

 

 

A 14-16 anni i ragazzi iniziano a “farsi la prima barba”, spesso più per gioco e per sentirsi grandi, che per una vera e propria necessità. E con questo spirito di “leggerezza” si affronta la prima rasatura, senza una cura adeguata della pelle. Radersi, invece, è tutt’altro che un gioco da ragazzi. La rasatura è uno stimolo infiammatorio e traumatico per la pelle del viso che si ripete ogni giorno e per tutta la vita.

Perchè la pelle dell’uomo ha bisogno di cure

Fin da ragazzi, gli uomini dovrebbero essere educati a prendersi cura della pelle del viso, che, per le  sue caratteristiche fisiologiche, è molto sensibile e facilmente suscettibile al danno reiterato, ha tempi di riparazione lenti ed è a  maggiore rischio di esiti post-infiammatori e microtraumatici (cicatrici e macchie post-infiammatorie).

Le caratteristiche del pelo della barba (densità, spessore, durezza e sezione ellittica del fusto del pelo e stretta angolatura di emergenza del pelo della cute) condizionano la rasatura e rendono il pelo della barba molto robusto. La forza necessaria per tagliare i peli della barba è infatti tre volte maggiore rispetto a quella necessaria per tagliare i capelli e i peli delle gambe!

Ecco perché per ottenere una buona rasatura si tende a esercitare pressione sulla cute aumentando il rischio di danno e irritazione della cute, soprattutto quando la pelle è già infiammata dall’acne (Leggi Aiuto ho i brufoli! Cosa fare se hai l’acne).

Inoltre, la zona perifollicolare è molto vascolarizzata, ricca di terminazioni nervose e di cellule del sistema immunitario per cui risulta particolarmente sensibile agli stimoli esterni irritativi, meccanici e termici, che facilmente scatenano la risposta infiammatoria locale.

Consigli per radersi bene la barba

Ecco alcuni consigli da seguire prima, durante e dopo la rasatura della barba, per ottenere un taglio perfetto, senza effetti indesiderati dovuti all’interazione tra rasoio, pelle e pelo della barba: irritazione, sensazione di bruciore, piccole ferite da taglio e pseudofollicolite.

PRIMA di radersi

ammorbidire la barba prima di radersi. Idratare la barba per rendere i peli più morbidi e facili da tagliare.

pulire le pelle del viso con prodotti detergenti cheratolitici o scrub. In questo modo verranno eliminati il sebo in eccesso e la fine desquamazione, la pelle risulterà più liscia e la lama del rasoio scivolerà con minori ostacoli sul piano della superficie cutanea.

 

DURANTE la rasatura

evitare di fare troppa pressione sul rasoio per evitare micro-abrasione e danno alla barriera cutanea.

scegliere prodotti per la rasatura studiati per ammorbidire il pelo e lubrificare la lame del rasoio. In questo modo si riduce l’attrito tra lama e pelo e  la lama scivola sulle irregolarità della superficie cutanea senza danneggiarla.

DOPO la rasatura

applicare creme idratanti ed emollienti per aiutare a mantenere integra la barriera cutanea e ridurre l’infiammazione.

proteggersi dal sole. In caso di esposizione solare è consigliabile usare creme che oltre alla proprietà idratanti ed emollienti contengano anche fattori di protezione solare, per evitare la pigmentazione di eventuali esiti cicatriziali.

 

Family Health si impegna a diffondere la cultura della prevenzione consapevoli che il primo passo per il proprio benessere è pensare alla salute.

Prova Family Health e il suo Fascicolo Sanitario Digitale Personale. Archivia i tuoi referti medici, condividi informazioni corrette con il tuo medico e tramanda la tua storia clinica alle generazioni future. SCOPRI DI PIù!

Patrocinato da: